lunedì 23 novembre 2009

CERCO di Daniela Bisin




(Jackson Pollock, moon - woman)


















Scorrono di traverso palmi delle mani
a schiarire
la mente
in una visione
che non sia
affumicata
da false ragioni

voglio aspettare
che il mio cuore
batta
scorgendo
una nuova verità
di conoscenza pura

a redimermi
da questa ignoranza
senza logo
che mi preme
e mi disintegra

cerco come un cane
tartufi bianchi

e la leggerezza
di una luce vera
che possa aprire
illuminare
il mio spirito..





37 commenti:

  1. Silvia Capecchiquando si sente esigenza di una ricerca in noi, è la luce che abbiamo dentro che richiama la nostra attenzione, perchè ha bisogno di trovare una via d'uscita..il lavoro più duro che ognuno di noi dovrebbe fare, altrimenti tutto il resto non trova senso, e in questa tua poesia emerge la tua continua ricerca verso il meglio di te..che sei già così bella!

    RispondiElimina
  2. Entro in questa casa grazie alla sua splendida padrona che mi ha offerto la sua ospitalità e che pubblicamente ringrazio per la sua(esagerata?)stima e la sua enorme dolcezza.Ringrazio Silvia che apre le danze e mi riempe il cuore...ma vi prego con me siate spietati,voglio imparare..:)

    RispondiElimina
  3. Antonio Lanza ha detto...
    Lirica sublime, di un'intensità notevole e un bel ritmo, e offre profonde emozioni . La ricerca anche se affannosa conduce sempre a mete che arricchiscono lo spirito

    RispondiElimina
  4. " Cerco la leggerezza di una luce che possa aprire il mio spirito", belli questi versi dell'ultima strofa che si accende di spiritualità e misticismo in un crescendo rispetto alle strofe precedenti.
    Salvina

    RispondiElimina
  5. Leggendo e rileggendo le poesie di daniela, ho trovato una perfetta corrispondenza col mio stato d'animo e una idea del mondo e della vita simile. Essere una goccia nel mare cosmico, la fatica del cercare e trasformarsi, di divenire amore con abbandono mistico, e l'accettazione della solitudine come rischio, azzardo della vita. Sogni e speranze scompaiono e ritornano, creando sì dolore, ma non compiacimento della sofferenza.. Tutte le sue liriche mi hanno afferrata nel profondo e colpita nel vivo di me stessa.
    E anche la sua asciuttezza formale, molte immagini dense che concedono poco al sentimentalismo e molto alla forza del sentire, sono degne di una considerazione particolare , esprimono una pregnanza che racchiude tutta una poetica in pochi tocchi immaginifici, ricchi di intersezioni di piani artistici e ,soprattutto veri. Ho quindi cercato di mantenere un certo distacco, ora nella lettura, per non lasciarmi prendere troppo dalla sua forza e da un'eccessiva emozionalità. Ma, sono sincera, l'ho scelta con tanta convinzione e profonda empatia.

    RispondiElimina
  6. Una poesia verosimile in ognuno vuole sentire il brivido di continuo rinnovo nel cercare punti interrogativi ,punti fermi da avviare,espressioni scritte con mano decisa su fogli ke esprimono la necessitudine di essere percepita nell intuito spirituale con tt la forza.Sentire profumi e sapori in frutti e spezie sconosciuti..Devo aggiungere ke in un certo senso questa poesia mi assomiglia grazie xk questa e una poesia ke se si potrebbe spremere uscirebbe molto succo di buona qualita........Angela castello

    RispondiElimina
  7. bellissima poesia, Daniela scrive con dei versi che sono puri voli di luce, ..qui sento una ricerca con ogni forza, di verita', amore, emozione, qialcosa intatto nella poesia, conservato tra note limpide e trasparenti come il suo stile.Apprezzo moltissimo Daniela, sempre Un caro saluto
    Tatyana Andena

    RispondiElimina
  8. una ricerca interiore esplicitata in versi, in un crescendo spirituale sotto forma di climax che scorre, piacevole, di rigo in rigo..

    chi l'avrebbe mai detto, che facebook potesse diventare veicolo di cultura, di introspezione, di sè?

    daniela, sei sensibile e mai banale.

    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  9. Regondi Forse si tratta di mani che cercano o altre certezze umane che possano dare dignità alla nostra esistenza.la scienza può o dovrebbe divenire un nostra ancora....dio forse un incoscio anelito della nostra presenza......non vi sono comunque secondo me verità assolute o liberatrici.....ma solo tentativi di comprendere il proprio desiderio di vita.......grazie Dani.

    RispondiElimina
  10. Alfonsina Martinet La tua poesia illumina lo spirito !!! Nella relta' ....come ognuno di noi ..cerca sempre...in continuazione.
    Un bacio , grazie Daniela

    RispondiElimina
  11. Nini Ferrara ai piedi di un'antica stretta scala di legno...
    aspettando, piolo dopo piolo, lentamente, di salire fino alla luna...

    RispondiElimina
  12. Rita Pacilio Gianluca Regondi ha detto tutto!
    Complimenti alle emozioni-riflessioni che i tuoi scritti suscitano

    RispondiElimina
  13. Liberare la mente dalle cose che offuscano la ragione, avvertire il vero sentimento, per conoscere se stessi, alla ricerca dello spirito interiore. Daniela, mi piace questa tua ricerca.

    RispondiElimina
  14. Mi piace questo passaggio
    dalla ricerca,
    con istinto animale,
    dei frutti golosi della terra,
    alla spirituale luce che ha,
    nella sua leggerenza,
    l'essenza del congiunzione del tutto.
    Ti sento compagna di viaggio....
    continua a cercare.
    Ti seguirò!!
    Marilina

    RispondiElimina
  15. Angelica Cante con le tue sempreverdi certezze...certezze che fioriscono sempre, che non conoscono il giallo dell'autunno...anche quando sta arrivando ormai l'inverno...

    RispondiElimina
  16. Tonino De Luca Un impervio sentiero increspato, per giungere volando nei giardini dell'Olimpo e sulle ali della magia della vita attraverseremo le foreste sterminate della coscienza.
    Non rinunciamo ai sogni.
    Grazie Daniela.

    RispondiElimina
  17. Chiedi tutto...la conoscenza.....ma che non è di tutti.Sei pronta a ricevere la luce che ogni essere sapiente rincorre...ma un maestro
    soleva ripetere:
    non mettete perle d'avanti i maiali essi si rivolterebbero contro
    Sorella mia ti abbraccio universalmente
    e so ....che hai percorso il tuo viaggio interiore....
    continua solitaria il tuo viaggio..vai ..incontro al sole ..e non lasciarti abbagliare
    AVRAI VISTA LA LUCE:L'ORO DEGLI ALCHIMISTI
    elio galeone

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  19. brava!
    scorrono le parole in modo cosi naturale e poi ti lasciano emozioni di colori e suoni scritti e dipinti con vera arte!
    Angela Olino

    RispondiElimina
  20. Una lirica che aleggia leggera e forte ad un tempo.
    La mente vaga alla ricerca del vero, della conoscenza...
    Una luce appare, in lontananza, per offrire conforto allo Spirito inquieto. carla Benassi

    RispondiElimina
  21. Ognuno ha trovato degli elementi e degli spunti di interesse. e' giusto che sia così. Si cerca, elio, anche l'oro o la luce degli alchimisti? Non lo so. Può darsi. Ma più che altro si cerca in noi stessi. E' quello che dice Daniela, e, che mi sento di condividere. Grazie e continuiamo il nostro dialogo..

    RispondiElimina
  22. Bentrovati!.. tranne alcuni
    che imparerò a conoscere(salve
    Antonio,Salvina,Angela!)gli altri di voi
    sono miei conoscenti.Mi lusingano le vostre lodi e spero di poter condividere con voi emozioni,sentimenti,ricerca.Grazie a
    tutti.
    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  23. Cara Daniela , come si fa a non amare questa tua lirica? E' il sentimento di chi con la propria sensibilità si trova a cercare la luce, di qualsiasi genere essa sia, nel mondo e dentro se stessi....la ricerca affannosa e allo stesso tempo ponderata di valori veri e di quella luce che da sola illumina il nostro vivere...

    RispondiElimina
  24. ... una lirica che aspetta cosa?... belle strofe, grazie... Pino soprano

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  26. Io sono una persona da molti considerata strana.Osservo,con attenzione e penso cercando di saltare certi nessi scontati fra parole e sentire.Io vorrei andare oltre,andare dove la parola tocca corde profonde e accende le coscenze.Non credo di avere verità da trasmettere,solo pensieri pensanti.Per questo ho bisogno di osservare prima di rispondere.Quello che scrivo(per alcuni è poesia ,per alcuni altro)ha un solo volere quello di arrivare dentro chi legge e accendere dubbi,stimolare pensieri.Ne giusti,ne sbagliati solo pensieri.Grazie Manlio per aver sottolineato un mio enorme bisogno,l'imparare.Si impara da chiunque...anche dal vuoto.Grazie a voi tutti che siete intervenuti fino ad ora..

    daniela bisin

    RispondiElimina
  27. Maria Isabella D'Autilia24 novembre 2009 12:18

    Bella. Bella in assoluto. E ricca. Sono le prime impressioni che ho avuto nel leggere questa poesia.
    I versi brevi, sottolineano l'intensità di un pensiero mai fermo, mai domo, ma sempre in febbrile ricerca.Voglia d'imparare, di crescere, sottolinea l'autrice, ma io andrei oltre. In questi versi raffinatamente semplici, traspare una grandissima curiosità,traspare una ricerca, forte sentita, traspare una intensa volontà e propensione ad andare sempre più a fondo nelle cose e in se stessa, una determinazione a non fermarsi, a leggere in se stessa e a scalare tutti i gradini, tutte le montagne possibili per raggiungere quello che Gloria definisce benissimo, il "divenire amore con abbandono mistico".
    Conosco bene questa inquietitudine che spinge sempre più in là l'orizzonte, che fa considerare ogni meta una meta intermedia e mai definitiva...
    Forse per questo trovo particolarmente emozionanti questi versi...

    RispondiElimina
  28. Credo, daniela, che i commenti ,anche se non sono stati spietati,come volevi tu, ti siano stati i stimolo per la tua rcerca e la tua voglia di non fermarti, perchè hanno analizzato a lungo e con profondo sentire, il tuo stile e la tua parola inquieta. Ringrazio molto tutti e ,in particolar modo, Maria Isa, che ha voluto concludere il nostro dialogo, lasciando aperta la porta dei possibili percorsi e cammini della vita e della parola.

    RispondiElimina
  29. Scusatemi di non aver concluso ieri sera chiudendo con un mio commento,ma la mia vita è dei miei bambini...Ringrazio Maria Isa che ha lasciato un commento da me molto apprezzato,Gloria per essere stata un'ospite squisita e tutti voi che avete dedicato il vostro tempo a me...
    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  30. Tremule fiammelle
    di scolorite vite
    ritorte, stropicciate carte
    come giornate sciupate,
    corse a rallentatore
    su binari morti,
    accelerati in bianco e nero,
    stazioni fangose, muschi rappresi,
    istanti.
    Ogni ferita è una carta
    di traverso sul tavolo da gioco.
    Collettive narrazioni,
    Pelizza e copertine di Rinascita,
    Vittorini e Togliatti
    su gialle pagine trapassate.
    Scure coloniali voci,
    l'Algeria, il Congo,
    Cuba solare e giù le miniere
    di Atacama.
    Radioso ma umano,
    parigino,francese, mondiale,
    ben venga Maggio e il gofalon selvaggio,
    e folle di canzoni
    stese al sole della storia nuova.
    Continenti e tempi a ritmo antico
    e dignità che è divenuta carne.
    Atene nel Settantaquattro,
    Panagulis, Theodorakis
    i volti, le barbe, i capelli.
    E il corpo di un corsaro all'idroscalo
    martirizzato come nel Mantegna,
    e voce rotta del vecchio Moravia
    a ricordare ai vivi la poesia.
    Aerei su Santiago e su Neruda,
    e un nobel per la pace insaguinato
    che taglia mani e voce a Victor Jara
    perché dal comunismo non si torna.
    Esilio di coscienze e giornalisti,
    e l'Occidente meta da sognare,
    wir sind aller berliner:
    con le macerie della vecchia Europa
    c'è sempre un nuovo muro da rifare.
    Ed ora, stesi ai bordi della storia
    i panni sporchi sono da lavare,
    ed ora, stesi ai bordi di noi stessi
    cerchiamo un nuovo modo di sperare.

    RispondiElimina
  31. E' LA NOSTRA ESISTENZA, O PERLOMENO L'ESISTENZA DI CHI NON SI LIMITA A "VIVER COME BRUTI" MA CERCA DI COGLIERE L'ESSENZA. QUINDI C'è UNA RICERCA DI CHIAREZZA, DI LUCE, DI VERITA', DI BIANCO, DI TUTTO QUELLO CHE CI RENDE TRASPARENTE E PERMEABILE IL SENSO DELLA VITA E CI CONSENTE DI "INSEGUIR VIRTUTE E CONOSCENZA".
    PIO NAPOLITANO

    RispondiElimina
  32. Grazie Ennio stupendo pezzo..grazie Pio del commento..a presto!

    RispondiElimina
  33. ANONIMO
    Marco RUSSO....e la leggerezza di una luce vera che possa aprire illuminare il mio spirito..
    Versi che immersi nell'affanno della ricerca interiore, nel desiderio di trasformarsi, di divenire sentimento d'amore e verità. Il sogno, la speranza guidano il fuire delle strofe...traspare dolore per l'esistente senza compiacimento e la volontà intrisa di forte dolcezza di andare Oltre...!
    Daniela, la Ricerca, la solitudine che l'accompagna, non siano mai freno a chi brama toccare le nuvole!

    RispondiElimina
  34. Grazie Marco..forse l'unica cosa che potrà fermarmi sarà la fine..:))

    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  35. a redimermi
    da questa ignoranza
    senza logo
    che mi preme
    e mi disintegra

    cerco come un cane
    tartufi bianchi

    e la leggerezza
    di una luce vera
    che possa aprire
    illuminare
    il mio spirito..

    Bello quel “che non sia affumicata da false ragioni”: restituisce tutta la sognante visionarietà a parole, che altrimenti e “ragionevolmente” lette, resterebbero sulle labbra, ne resterebbe il suono, ma non solleciterebbero tutti e contemporaneamente gli altri sensi, perdendo così la forza degli odori, del sapore, la levigatezza della delicata carezza che quelle mani donano.
    Sì, c’è una ricerca in questi versi e Daniela la ribadisce nel suo primo intervento in cui chiede spietatezza perché vuole imparare.
    Forse un tecnico potrà essere spietato e dirti come fare meglio. Spero che questo avvenga, anche perché un blog, questo blog, dovrebbe servire anche a questo.
    Io posso dirti: continua la tua ricerca, tu senza pietà

    RispondiElimina
  36. Ennio, sono bellissimi i tuoi versi. Potremmo aprire una discussione, mettendo anche trailer di film come Goodbye Lenin, o Reds... O altro. Una discussione sul nostro mondo globalizzato... Datemi idee, proposte amici... Abbiamo bisogno di questo per far vivere in noi la pseranza, la storia, la vita, l'arte...

    RispondiElimina