sabato 28 novembre 2009

HO SCELTO di Gloria Gaetano



(Maurizio Barraco, dall'album fb mi piensamentos)


Ho scelto.

Guardai stelle
irrigate dai fiumi, da rugiade impreviste
e scelsi un amore.
Da allora dormo sonni notturni.

Tra le onde,  un'onda
altre onde,
mare freddo, foglie e gelo verdi,
scelsi quell'onda unica
l'onda trasparente del tuo corpo.

E allora le gocce, le luci
le radici della terra
vennero a guardarmi
giorno e notte.

Volli sfiorare i tuoi capelli,
scelsi il tuo cuore ardente
tra tutti i frutti della terra.

Io ho scelto solo un'onda
solo un canto che sa di lontano






48 commenti:

  1. Si tratta di una scelta,su uno sfondo di terra-acque- giorno_notte, una scelta di un'onda trasparente, di un canto lontano,un'ombra, forse.
    Credo che noi siamo passaggio tra due tenebre, e, in questo cunicolo, temendo il tempo, inventiamo amore e sogni, magari sotto forma di un'onda.
    Il tempo si identifica con il lontano, in cui continuo a viaggiare, cercando un'onda, un sogno ,un corpo, una voce.
    a volte tento una sovrapposizione d'immagini per definire un concetto, a volte,come nel caso dell'onda, vorrei trarre da una sola immagine tutte le suggestioni possibili.
    Non so se le sirene canteranno per me. Io le aspetto

    RispondiElimina
  2. Il Poeta cerca il sogno, un'onda su cui viaggiare, un corpo, una voce nel suo tempo 'lontano' solo perchè lo ha già sperimentato appieno nel suo tempo passato. Il Poeta aiuta il lettore a decifrare il miscuglio di emozioni che ci permettono di indagare sulle nostre potenzialità e sui nostri limiti. Il Poeta sa mettersi in gioco: non cancella le esperienze già vissute ma ne fa strumento di crescita personale e collettiva. Lo spazio non è definibile in un luogo terreno. Lo spazio dell'Autore è 'dentro': si tratta di uno spazio emozionale. Credo fortemente che la Poesia sia la protagonista del nostro modello culturale nel senso più allargato del termine. La pOesia è anche impegno sociale e responsabilità comunicativa. Ci appartiene: è una realizzazione personale 'tendere' verso il ben-essere psicofisico.
    Complimenti Gloria!
    Il mio giorno comincia con i tuoi versi!
    tvb
    Rita Pacilio

    RispondiElimina
  3. Brava Gloria, poesia scritta con stile. Ottima descrizione del concetto spazio- tempo. Cosa c' di più bello della scelta di un onda per assaporare le proprie emozione, la vita e l'amore, di un amore semplice e naturale. Bella e coinvolgente. Grazie un bacio

    RispondiElimina
  4. Antonio Lanza ha detto...
    La fantasia del poeta è vasta, poi in questa poessia c'è anche capacità mi mettere insieme spazio, tempo, immagini , desdieri, sogni. Le emozioni che escono sono forti, le avvertiamo solo leggendo i primi versi, una magica composizione dal ritmo che sussulta e ci conduce verso orizzonti e mete maravigliose.

    RispondiElimina
  5. Gabriele Prignano28 novembre 2009 23:49

    Una poesia di rara bellezza, di grande fantasia e sentimento! Una compostezza esemplare. Si vola nello spazio, al disopra delle stelle, fissando la terra, le onde...la vita, un amore! Trovo qualcosa di contemplativo e, nel contempo, una ricerca "visionaria" (che è quanto più mi affascina. Le immagini sono eloquenti!)che concorrono, col ritmo, coi suoni,con l'ordinato, inesorabile movimento delle onde (metaforiche) a creare un clima rasserenante. E ciò malgrado il pensiero ispiratore sia di quelli...meno leggeri!!!

    RispondiElimina
  6. E il canto che vien di lontano potrebbe essere la bella voce di Mercedes Sosa, che intona un inno alla vita. Il dipinto su muro è di Maurizio Barracco. E' bello anche usare gli amici creativi di fb per pubblicare, per far conoscere le loro opere. Credo che tutti noi siamo sensibili all'arte e non solo a una forma d'arte... Credo che tutte le forme artistiche arricciscano la nostra sensibilità, la vostra,che è sicuramente fuori dal comune..

    RispondiElimina
  7. la scelta d'amare e ravvedere in ogni cosa, azione, fatto, reale o surreale sogno o realtà cio che tu voi amare cio che per te è l'essenza raffigurata del tuo modo d'amare.
    nbellissima poesia. che descrive il tuo modo e le azioni i fatti e le cose che in quel preciso momento suscitano l'esplodere delle tue sensazioni.....bella bella bella

    RispondiElimina
  8. spesso mi sono interrogata sul senso della scelta, se davvero siamo noi a scegliere o piuttosto vogliamo rivestire di possibilità quella che nel fondo è solo una necessità. ma questo è un pensiero che il titolo e l'insistenza del concetto hanno risvegliato nella mia mente, fin troppo disponibile ad accoglierlo.
    è una poesia dal tono disteso, appena malinconico nella chiusa. bello un amore tranquillo, che riscalda nella trasparenza di un corpo, che sorveglia e accompagna discreto ggiorno e notte, che addormenta la sera e per tutte le notti. dipendesse solo da una scelta...! Claudia De Crescenzo

    RispondiElimina
  9. ... scegliere solo un'onda è fedeltà, amore vero, integrità dell'io e dovere morale, ma... quante persone scelgono più di un'onda in preda alla passione, alla gioia del momento, alla trasgressione momentanea pur sapendo di sbagliare moralmente ma godendo un erotismo momentaneo travolgente, puramente istintuale, materiale e animalesco?... sarà giusto per l'io?... come sempre Gloria mi ha stimolato l'ipotalamo ;-) Bravissima.
    Pino Soprano

    RispondiElimina
  10. scegliere un amore ... Non è facile e qundo lo fai non sempre dormi sonni notturni.
    Spesso il sentire resta orfano per le vicissitudini della vita ...
    E' bello, però, sapere d'aver un porto tranquillo dove rifugiarsi, sempre !Chiara Maria Crivellari

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. difficile scegliere, ma quando è il cuore e non la mente , ecco il "porto" lontano delle stelle, del mare che nel suo fluttuare , fa intravedere "l'onda trasparente del tuo corpo"; con gli occhi della passione, tutto è possibile anche, questo amore evanescente che può assumere "forma" quando il desiderio supera i confini del reale!Molto elegante ,nell'espressione e nel verso!Rosa Cassese

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  14. Ho scelto"

    Un Incipit, secco, definitivo, come dopo mille e mille tentennamenti, dopo tante incertezze.

    Due parole, un approdo...la scelta di un amore, la scelta di amare.
    E di amare l'unica onda trasparente, tra mare e foglie e gelo, di amare un cuore ardente, tra tutti i frutti della terra...

    Ho scelto...

    Ma si sceglie davvero? O si è scelti? o è l'amore che sceglie?
    Si sceglie una persona?
    E infine se scegliere tira in ballo la ragione, ecco si apre l'eterno dilemma tra ragione e sentimento...ma è proprio così?

    Questa poesia straordinariamente bella, sconfessa la dualità che attribuisce alla ragione la capacità di scegliere...
    In questi versi in cui l'amore ha la freschezza, il calore, l'armonia di una natura amica, la scelta è quella di scegliere di amare e a questo amore dare volto, corpo e cuore di una persona, lei, l'unica in grado di distinguersi per bellezza, trasparenza, ardore agli occhi ed al cuore di chi ama...la scelta dunque è quella del cuore che vede con occhi diversi solo quella persona...
    Questo credo sia la scelta...una scelta dettata dal cuore..

    Alla ricchezza dei contenuti con cui mi trovo in particolare sintonia, si aggiunge il suggestivo fascino musicale dei versi che sembrano seguire le meravigliosamente evocative immagini e volare dalle stelle alle onde fino alle radici della terra...in un'armonico connubio tra scelta d'amore e una natura pacificata che fa da scenario M. Isa D'autilia

    RispondiElimina
  15. si sceglie per andare avanti,per superare la soglia.....per percorrere un sentiero.Svelarsi...conoscersi...ri-unirsi all'unita' primordiale
    amore puo' essere misericordia per se stessi?
    amore è indefinibile...definirlo è limitarlo
    SCEGLIERE LAMORE E' LA LINFA DI OGNI VITA.....MUORIAMO QUANDO GLI ALTRI LO VOGLIONO
    CIOE' QUANDO NON SI AMA PIU Elio Galeone

    RispondiElimina
  16. Tra le mille e mille onde che ci sommergono, in acque talvolta ostili, tu hai avuto il coraggio, e lo rivendichi in modo perentorio, di individuare la tua Onda e a lei rimani fedele, da lei ti fai avvolgere, sommergere e cullare. Quando insieme alle parole si riescono ad evocare immagini come quelle che hai evocato si crea grande suggestione, si crea quasi la visione di una poesia.
    Sabrina Ludovica

    RispondiElimina
  17. vedo che c'è sempre il mare, l'acqua, sia pure sotto forma di gelo,di rugiada,di nebbia come motivo conduttore, l'acqua che ristora, lava e purifica....L'acqua come terapia per i mali del cuore. carla di napoli

    RispondiElimina
  18. Quando si è accanto alla persona amata, svaniscono i timori e resta la felicità. Sommamente meraviglioso è imparare a respirare la felicità, a coglierla negli istanti in cui si sta vivendo e non solo nel ricordo. Ciascuno porta dentro un "museo dell'innocenza" (come direbbe Orhan Pamuk), un luogo in cui gli oggetti, i sapori, i suoni e le atmosfere ci restituiscono la persona amata, ma pochi riescono a fare sì che tale bellezza sia percepibile nel medesimo istante in cui vive. Ennio Plauto

    RispondiElimina
  19. ho scelto anche io una via, la via del pensiero e dell'emozione, del ricordo di un tempo, un tempo che ho ritrovato adesso, spelndido testo, e' un onore essere impresso in queste parole con un mio dipinto, questo dipinto che e' rimasto in un luogo in cui ho trovato serenita' bellezza e molta gentilezza, ho scelto magnifica sostanza della vita, grazie a te gloria
    maurizio barraco

    RispondiElimina
  20. la scelta d'amare e ravvedere in ogni cosa, azione, fatto, reale o surreale sogno o realtà cio che tu voi amare cio che per te è l'essenza raffigurata del tuo modo d'amare.
    nbellissima poesia. che descrive il tuo modo e le azioni i fatti e le cose che in quel preciso momento suscitano l'esplodere delle tue sensazioni.....bella bella bella
    --------------------
    P.Barat

    RispondiElimina
  21. Ho visitato lo spartano sito del link e ho letto con piacere la tua poesia.
    L'estrema sua liricità sconfina nel surreale o meglio nell'irreale:Il filo di Arianna è molto fragile quasi come la traccia di briciole lasciata da Pollicino(?)
    Ma il tutto si confà magistralmente con l'incipit dell'epigrafe che caratterizza il sito:
    Non chiederci la parola che squadri DA OGNI LATO
    l'animo nostro INFORME..
    E io non lo posso chiedere al tuo modo di creare poesia.Ciascuno ha la propria caratteristica poetica e la personale Weltanschauung.
    Il panorama poetico è bello proprio per la sua grande biodiversità,e tu ne sei una valida splendente sfaccettatura
    Un abbraccio Glilberto Fanfani

    RispondiElimina
  22. La donna che sceglie
    la donna che sente il corpo
    la simbiosi con l'elemento Terra e i suoi frutti
    il cuore di lui che deve essere ardente ed esotico
    E' un inno all'essenza femminile nel suo darsi al mondo
    Cyrano

    RispondiElimina
  23. Leggere è ritrovarsi, per chi legge.Si leggono poesie altrui con la propria emozione, con le proprie esperienze.Filtriamo.Quindi spesso passano cose che l'autore in realt... Mostra tuttoà non dice.Non è errore a mio avviso.La poesia ha piani diversi di lettura,ognuno trova il suo,i più bravi trovano quello dell'autore,non facile...Io non nascondo che in questa poesia ci legga una profonda malinconia .-ho scelto- la prima affermazione forte.Riferita ad un'amore la leggo quasi come una sconfitta,perchè è l'amore a scegliere due persone,a farle cercare incontrare.Quindi leggo un percorso di solitudine inespressa,un desiderio di affermare -io amo- anche se di quell'onda scegliendo la trasparenza ,lei scelga un uomo fragile,che si lascia scegliere.E questo fatto la pone in situazione di stabilità affettiva tanto da poter dormire le notti.Chi ha mai dormito nelle notti devastate dall'amore?Felicità,tormento,desiderio..quale sonno non sfugge?Però in quest'amore vissuto come ritorno alla terra,nella sua fisicità,lei trova un quietarsi nell'animo;ma la sua consapevolezza è grande ha scelto solo un'onda....solo un canto che sa di lontano......

    Gloria alle volte non vorrei commentare certe poesie,non perchè non lo meritino,ma perchè mi sembra di vivisezionare la nostra vita...scusami.Farlo è una profanazione,tu me lo hai chiesto io l'ho fatto.E' molto bella,ma il tuo tormento,spero solo nelle parole,ora è anche mio.Un bacio.

    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  24. la speranza non deve mai morire
    nella tua dualita',il rincorrersi degli elementi e scenari immaginari,
    svuotati i sensi non sono piu' in sintonia col cosmo
    cio' che ci circonda e quanto scegli...è cio' che si proietta
    un onda puo portarmi da te.....ma tu...non vedi

    RispondiElimina
  25. Nessuno sceglie l'amore, ma è sempre lui a scegleire noi. La nostra libertà è quella di accettarlo o meno e spesso non possiamo scegliere neppure questo. Molto bella la lirica, dolce immagine di una scelta voluta.A. M. Marconicchio

    RispondiElimina
  26. Amore è un accadimento imperscrutabile e imprevedibile; Non si sceglie e non si è scelti. Accade!!! L'amore è il dono più bello che ci offre questa vita sensa senso e senza continuità. Carpe diem!!!Nel bene o nel male Wanda Mantero

    RispondiElimina
  27. meravigliosa...
    c'è sentore di consapevolezza
    e forse la scelta sta proprio in questi tuoi bellissimi versi racchiusa come scrigno prezioso
    Angela Olino

    RispondiElimina
  28. Io ho scelto solo un'onda
    solo un canto che sa di lontano.

    Scegliere un Amore... A volte cerchiamo un porto sicuro, un approdo.
    Le carezze di chi ci conosce da sempre, i baci di chi ci ha accompagnato, nella gioia e nel dolore.
    Però non siamo noi a scegliere, è il destino.

    Un volto veglia attento, il tuo sonno.
    Nei tuoi versi v'è una dolcezza ed una consapevolezza che colpiscono.
    Brava Gloria, complimenti.

    GRAZIE.
    Carla

    RispondiElimina
  29. Ma quant'è bella Gloria ! E quanto è dolce....Io ho scelto solo un'onda solo un canto che sa di lontano...scegliere l'amore vero e unico...un luogo dove rifugiare il nostro corpo e il nostro cuore...lorella

    RispondiElimina
  30. hai scelto e investito d'amore la tua vita.
    ascolto il tempo della distanza della differenza e in esso poca nostalgia, ma affermazione negativa di quell'onda cavalcata. Rammarico d'uno sbaglio?....bella poesia, grazie gloria Ornella Pernacchioni

    RispondiElimina
  31. ..Volli sfiorare i tuoi capelli,
    scelsi il tuo cuore ardente
    tra tutti i frutti della terra.

    Io ho scelto solo un'onda
    solo un canto che sa di lontano.
    Bella e vera Poesia ! Grazie ! ♥ ♥ ♥ Michelangelo Marson

    RispondiElimina
  32. bellissima...mi arriva il profumo di sale e degli alberi intorno, a fare da un contorno a una tua scelta, un grande amore difeso contro tutto e tutti.. Tatyana

    RispondiElimina
  33. Io , sono un povero ventenne. Col sogno di diventar scrittore, col sogno di riuscire a dire tutto quello che ho dentro in qualche verso, in qualche poesia. cavolo però... quando ho letto questi versi è come s avessi smarrito quell'esigenza; è come se d'un tratto il mio cuore avesse smesso di lagnarsi.. è come se avesse visto uno specchio in cui riflettersi, con in coda una frase "non sei solo qui giù"! Ti ringrazio, Gloria.. le tue parole, m'inebriano, mi danno vita nuova, speranza vecchia. comprensione "quotidiana Fabrizio

    RispondiElimina
  34. ell’esaminare il tuo scritto. Mi ero fermato per un istante all’incip della prima strofa. Ho contato 17 parole di cui due identiche. Mi sono chiesto quante possibilità avrebbe avuto Gloria di riassemblarle. E mi sono messo a fare quattro calcoli ed è risultato:
    177.843.714.048.000 possibilità di riessemblarle. E mi sono chiesto? Gloria ha pensato a questo? Ha pensato che la sua testa ha pescato proprio questo modo di disporre le parole? Scusa la mia divagazione…Analizzandolo da un punto di vista di tonalità, diciamo che sarebbe una musica con un attacco e un crescere della tonalità per mantnerla pressochhè identica dalla terza fino alla quarta e quindi strofa. L’ultima strofa è un colpo netto di tamburo. Silenzio. Nulla riecheggia. La trama è ben chiara e ben impostata, il significato, semplice e chiaro e netto. Alle parole hai tentato di dare significati in simboli, ma è solo un tentativo appena accennato, forse inconsapevole e neanche voluto ( vedi seconda strofa). Lo scritto procede con una trama nota, nota dall’inizio c e lascia tutto presagire qual è la tua scelta. La scelta dell’amato. La gioia di farlo. Si sente tutta la tua vibrazione nel raccontarlo. Il lettore forse non viene mai catapultato in nulla di misterioso, in nulla da scoprire. Entra ed esce da una porta che ha già scorto appena entrando. Probabilmente riassemblando lo stesso scritto sarebbe diventato anche un triller, ma il modo di scrivere rispecchia la tua personalità Un inizio e una fine. Forse questa non è la rappresentazione esatta della vita e forse nel tuo scritto non ti interessava dare questa rappresentazione. Forse volevi gridare al mondo solo la tua scelta. Certo non è una emulazione della Divina Commedia, forse Dante al tuo posto avrebbe iniziato con: Da allora dormo sonni nottambuli…..Bella , dolce e serena. Un inno alla scelta, alla tua scelta.

    Doni Onid

    RispondiElimina
  35. Eh, Doni, un'analisi specifica e attentissima. Mostra un interesse notevole. Questa tua analisi me la conservo . Veramente precisa. solo che i simboli ci sono eppure fortemente concentrati! Baci e Grazi

    RispondiElimina
  36. olto bella, dolce e rassicurante, anche se un'onda in genere viene e va...ma la tua sarà l'onda giusta Salvina Albanese

    RispondiElimina
  37. Daniela Fenoaltea29 novembre 2009 08:47

    In questi momenti, la razionalità è un fastidio, per cui il corpo e l'emozioni si perdono in un'altra dimensione. L'onda del mare, ha la capacità di allontanarti da tutto quello che è materia. Di travolgerti per non farti reagire, in nessun modo. Adesso, ami trovarti in uno stato di luce riflessa, nulla è attorno a te: tu sei onda! Il cielo e le stelle diventano anch'esse acqua limpida e i tuoi occhi trasparenti e irrequieti sono alla ricerca di un'amore, che tu stesso insegui e hai scelto. Ora, il desiderio che tutto si fonde per cui, anche questo amore, lo porti con te in uno spazio lontano, per il quale vai furiosamente alla conquista con impeto. Ciao carissima!

    RispondiElimina
  38. Daniela, hai capito. Sì, non ho veramente scelto, non c'è . C'è un'eco lontana, un'onda che mi porto nel non tempo, nell'assenza, nel mare,come luogo tipico del tutto, dell'immenso, delle onde, eppure luogo in cui ci si può perdere. E' un rischio che conosco, e trovare un punto tranquillo, dove fermarsi è desiderio e forte motivazione. Ma chi conosce il mare, sa che non c'è. Nostro destino è cercarlo e sperare..

    RispondiElimina
  39. Ritrovo in questi splendidi versi il tuo bellissimo modo di fare poesia, proprio come piace a me. Complimenti Gloria, grazie.

    RispondiElimina
  40. Conoscevo questa bella poesia che parla d'amore e di mare, come molte delle tue. Hai scelto un'onda, un'emozione, un amore e a loro sei rimasta legata, indissolubilmente, perchè contrariamente alle apparenze, sei fedele e tenace e quando scegli è per sempre.
    Salvina

    RispondiElimina
  41. eminente la scelta di cui destino ti scegle x lei.Damore ti rempi il corpo,appogiandoti alla spalla ke la vita ti regala,immenso e prezioso,x pensieri lontani,ma reale e colui ke si sceglie,e al tuo fianco cammina,sole ke scalda,luna rinfresca,meravigliosa scelta i tuoi versi di elevata importanza.....brava....Angela castello

    RispondiElimina
  42. Mia cara Gloria,il mio seguirti è piu' che un onore per me!
    leggere te,tra righe di poesie è un modo speciale per sentirti ed apprezzarti sempre di piu'!
    Meraviglioso lo scorrere delle tue parole.....
    la sapienza non sta nell'arte come conoscenza,la sapienza sta nell'essere donna come coscienza!
    Angela Olino

    RispondiElimina
  43. Gloria ..ti abbraccio amica mia.

    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  44. Ho scelto...bella la decisione anche se ad essa si contrappone l'onda trasparente del" Tuo" corpo; poesia fluttante nell'io, che rievoca o richiama un amore lontano , mentre le stelle sono bagnate dal pianto di un'acqua quasi stagnante, a guardare un amore che tiene desta l'amante , e di onda in onda l'immagine riappare e scompare mentre il mare si ghiaccia e le foglie diventano gelo...nel cuore, speranzoso, ma desolato!

    RispondiElimina
  45. giuseppe diodati10 dicembre 2009 04:55

    Non commentavo perchè non capivo come fare, leggere le poesie di questa autrice aiuta a capire se stessi. Dell'amore e delle scelte dell'amore sono pieni inostri giorni. Così lei rinnova la sua scelta di quella scelta ella si ammanta

    Giuseppe Diodati

    RispondiElimina
  46. L'onda simboleggia il dinamismo e la continuità; la benedizione di un amore, sia platonico o di mutuo, ci fa vivere e scrivere poesie...
    i tuoi versi sono splendidi...!
    "...scelsi quell'onda unica
    l'onda trasparente del tuo corpo...
    scelsi il tuo cuore ardente
    tra tutti i frutti della terra...!
    Sei meravigliosa Gloria... e grazie...!
    Milagros Mendoza de Zamora

    RispondiElimina
  47. Gloria, anche il dipinto è bellissimo e la canzone di Mercedes Sosa è preziosissima, preferita mia da ragazza...

    "Grazie alla Vita
    chi mi ha dato tanto
    mi ha dato il sorriso
    e mi ha dato il pianto
    così io distinguo
    felicità e disagio
    i due materiali
    che compongono il mio canto
    e il vostro canto
    che è il mio proprio canto..."

    Meravigliosa combinazione con la tua poesia...! Complimenti...!
    Milagros Mendoza de Zamora

    RispondiElimina