giovedì 19 novembre 2009

MOSAICO DELLE DITA di Angela Olino




(Foto di Carlo Ciufelli)














Indubbia attesa riservata al giardino superbo dalle catene segrete
calando coperte di margherite su fervidi intrecci di sospesi orizzonti
in vespri di giorni senza date conosciute con pazienza da sempre
bruciando il fastidio delle ore vuote alla fiamma del vento

scorrono le tue mani
scorrono

impetuoso il regno di ogni suddivisione come reddito di fervore
è un ‘epica elezione senza linea a dividere la terra e il cielo
solo capelli che cadono sulle spalle e camicie sbottonate perdendo asole
in profumi di legni vivi che inondano gli assalti continuati e ribelli

scorrono le tue mani
scorrono

stupefacente strato che culla la memoria del cuore senza dolore
contagio di una peste estensoriale che aggrada la pelle senza minarla
cenni di petali ad indicare l’appartenenza crescendo il titolo della protezione
con l’assenso di rivestire il verde chiaro del sottofondo in regali velluti

scorrono le tue mani
scorrono


tra le mie





48 commenti:

  1. Lirica enigmatica densa di parole affascinati che lasciano trapelare momenti della vita quali l'attesa e l'amore mentre scorre il tempo della vita umana.

    RispondiElimina
  2. P.Strati le dita per conoscere, per sentire, per sfiorare, per unire, per serrare, per scoprire...si legge tutta di un fiato...io che mi occupo di lettura interpretativa la trovo bellissima...da recitare, variandone intonazioni e ritmo...sempre diversi eppure sempre bella...un bacione...

    RispondiElimina
  3. Decisamente immaginifica, amorosa, con un ritmo che sottolinea e accentua l'impeto, la passione. Inutile ripeterti quanto sia bella. E' straodinaria! Sbaglierò certamente, ma credo di cogliere un'euforia...
    Sai, piuttosto, che strana coincidenza? Ho letto e commentato la nota "Capelli da selvaggia" e mi è parso di vedere...questo giardino. Che strano! Un forte abbraccio, Angela!
    Gabriele Prignano

    RispondiElimina
  4. Gabriele hai ragione
    le ho scritte di seguito...
    .....
    che analisi attenta....
    come sempre!
    Angela Olino

    RispondiElimina
  5. .. Avvertir sulla pelle il distacco di calde mani unitesi in sogno, in un solco tracciato dallo sferzare di un brivido freddo d’assenza, un soffio suggerito da un tiepido pensiero, nell’idea che descrive la sola essenza di una sostanza che il solo tepore dello scorrere di una vera carezza potrebbe mitigare..
    Le mani intrecciate.. Insieme custodiscono il desiderio di un agognato contatto nel loro rendersi saldo e al contempo morbido giaciglio dove poggiar la reale presenza..
    Dita intrecciate, come sbarre, ma non di una gabbia, solo per l’un l’altro proteggersi, senza nulla imprigionare, nel dono voluto e consapevole che imprime nella presa una qualche forma d’appartenenza..
    Dita intrecciate, pressione di uno scrigno chiuso su di un alito di anime unitesi tra le fessure dei suoi spazi..
    Mani complici, come giunte in una preghiera che non ha desiderio d’esaudirsi, compiutasi già nella sola richiesta che unì quei suoi stessi palmi, fissi come sguardi, uno verso l’altro, tendendo all’infinito, quello di un ciclo che si autoalimenta per paura d’esaurirsi.....
    Dita intrecciate.. come sostegno di una culla dove poggiare dolcemente i sogni, quelli che non possono essere afferrati, ma solo ospitati nella tenerezza del palmo aperto di una carezza..
    Dita intrecciate, come coste a contenere i frammenti di due cuori che aspettano di unirsi per ricominciare a battere, nel plauso delle mie mani che trovano le tue, per stringerle come per non doverti più lasciare andare..
    G. Curcuglioniti

    RispondiElimina
  6. Ormai non mi stupisco più...! Tutto ciò che genera la tua mente, il tuo cuore e la tua penna è semplicemente "puro lirismo, pura poesia"! Ti leggo sempre molto volentieri Angela!A. Ciminiera

    RispondiElimina
  7. scorrono le tue dita tra pensieri comuni
    miracolo d'incontri non cercati
    eppur voluti
    scorrono le tue dita
    in fiumi di parole... Visualizza altro
    accese da occhi
    non velati
    e labbra
    che sussultano
    al primo accenno
    b.g.t.
    ancora auguri

    RispondiElimina
  8. Indubbia attesa riservata al giardino superbo dalle catene segrete
    calando coperte di margherite su fervidi intrecci di sospesi orizzonti
    in vespri di giorni senza date conosciute con pazienza da sempre
    bruciando il fastidio delle ore vuote alla fiamma del vento
    Si tratta di una giovane autrice molto interessante, che non usa metri tradizionali, nè musicalità diffusa, ma registri linguistici vari, immagini originali, ma sempre sentite e accattivanti. Sono lieta di presentarvela, perchè avvertirete la novità e la sua evoluzione ne tempo e nelle sue pubblicazioni. Grazie a tutti

    RispondiElimina
  9. Mani che scorrono impetuose, passione pulsante e fremente, e tra le tue dita intrecci da comporre.......i tuoi versi sono di spessore, mi piacciono molto, grazie Angela Pietro Vizzini

    RispondiElimina
  10. Buongiorno e come sempre ringrazio l'ospitalità affettuosa della cara Gloria.
    Questi versi sono lasciati scorrere senza l'ansia della composizione
    Mi auguro che possano trasmettere l'euforia che li caratterizza come ha ben sottolineato il mio amico Gabriele
    Angela Olino

    RispondiElimina
  11. Sono Laura un assidua lettrice della Olino che trovo meravigliosa.Una da tenere d'occhio perchè sicuramente farà strada.
    Conoscevo la poesia ma rileggendola stamani ne sono colpita maggiormente
    Complimenti a Gloria per la scelta di questa composizione

    RispondiElimina
  12. Angela, è un piacere leggerti. La tua scrittura vera, diretta, senza fronzoli, ricca di immagini dietro le quali si nasconde un messaggio profondo, emoziona
    Franco V

    RispondiElimina
  13. Complimenti sei molto brava,anche a rischio di sembrare banale ,devo dirti che quello che scrivi è molto bello...toccante.
    Sono onorato di essere stato taggato e per favore fallo ancora.
    Grazie.
    Carmine

    RispondiElimina
  14. Un grande affresco di sensazioni, pulsioni, emozioni...le parole paiono avvolgere vorticosamente chi legge per immergerlo in una dimensione immaginifica...un "monologo" da interpretare a voce alta e da ascoltare ad occhi chiusi... sono sempre più felice di averti incontarto su FB... Un bacio...
    Roberto Strati

    RispondiElimina
  15. CREDO CHE RARAMENTE RIESCO AD ESSERE COSI' RAPITO,EMOZIONATO DA SENSAZIONI COSI' FORTI!! GRAZIE!!
    GIANNI MAURO

    RispondiElimina
  16. Siete quelli che da sempre seguite le mie parole...io sono commossa di tanto affetto!
    Angela

    RispondiElimina
  17. Complimenti sinceri, Angela...qui dentro c'ho visto la vera essenza di ogni "perchè"...secoli e secoli d'umani tentativi, sistemi, dottrine, critiche, come anche la domanda più sciocca d'ogni meraviglia infantile...e tutte le risposte che sfumano leggere e perciò insostenibili...brava! :)
    Giovanni Rubini

    RispondiElimina
  18. Che bella, Angela!... Sai, non credo fosse autosuggestione, ma il ritmo dei versi ha qualcosa del ballo! Davvero bella, complimenti!
    Luigi

    RispondiElimina
  19. Ecco Angela! questa è una di quelle note specchio; ricordi? l'ho stampata l'ho letta non so quante volte e tutte le volte ...
    Come fai Angela? Tu sei una "sarta di anime", incontri persone, le scruti nell'anima e poi le "vesti" con le tue parole, di abiti perfetti. Questa nota è il mio stupendo vestito da sera, ora lo indosso poichè a me sembra che porti il mio nome e chiedo scusa a tutti per l'appropriazione. Con immenso affetto.
    Sabrina Ludovica

    RispondiElimina
  20. Di fronte a questo caleidoscopio di movenze, di luci, d'ombre, d’abissi in cui si sprofonda senza grida, l’animo s’arresta, e uno si chiede, chi è Angela Olino?
    Cosa la spinge a descrivere il suo mondo interiore con tanta ostentata ossessività?
    Si è come davanti a un policromo quadro astratto, dove il movimento ha regno incontrastato, dove i suoni s’incontrano e si scontrano in assonanze dissonanti, dove l’equilibrio di un momento diviene la caduta successiva, in una continuità concatenata, di cui la chiave resta a lei soltanto in mano, a noi è dato di vedere la tela su cui sono state tracciate le linee colorate, ora scure, ora chiare, ora sanguigne, ora invisibili all’occhio, ma visibili al sentimento che interpreta ciò che la vista solo coglie, quale informazione da elaborare. L’arte sua è il far arrivare se stessa a noi, in noi, senza che noi stessi ci si accorga di quanto ci sta penetrando. Si crea così tra lei e chi la legge una corrente di simpatia, d’empatia, che misteriosamente ce la rende sorella, figlia, amica. Angela dipinge la sua tavolozza, intingendo il pennello direttamente nel suo cuore e noi con il cuore leggiamo il suo disegno
    Cyrano

    RispondiElimina
  21. che bella
    mi sembra di vivere quei momenti
    quante volte ti senti felice x un'evento
    che deve accadere, e vorresti gridarlo al mondo,
    ma sai che a nessuno può importare la gioia che provi,... Visualizza altro
    solo guardandoti capirebbero ce l'hai scritto in volto
    l'importante è che lo capisca lei.
    complimenti
    Luigino Moro

    RispondiElimina
  22. Antonio Lanza ha detto...
    Lo scorrere del tempo offre i ritmi della vita, delle nostre emozioni. LA LIRICA, STPENDA, interpreta tutto questo, momenti che si rivivono, riassaporando gioie sfuggite

    RispondiElimina
  23. e di notte che scrivo quasi come se desiderassi il buio a farmi compagnia...insisto in quest'ansia che travolge me tra l'esterno e l'interno...spesso coinvolge la mente ma poi...nell'intrusione del cuore analizzo la forma facendo dettare legge da cio' che sento senza cicatrizzare le ferite di un vissuto doloroso...
    sconvolgo?
    si è vero!
    mi rendo conto che non è sempre facile e semplice seguirmi....c'è solo bisogno di fidarsi perchè sappiate che mai lascerei indietro gli altri in favore di un mio primato egoistico!
    Angela Olino

    RispondiElimina
  24. Difficilmente, e non certo per superbia,asserisco con convinzione profonda che una persona abbia la capacità interiore di descrivere- in segmenti segreti ed espliciti le linee di un 'cuore intelligente'- così magistralmente da saper 'dare voce' ai vuoti muti del senso dell'esistenza che urlano all'immensità del cielo e all'ignoto cosmico...!!!Sei straordinaria Angela...!!!
    Grazie...Un abbraccio. Sabrina D'orsi

    RispondiElimina
  25. letto d'un fiato...molto coinvolgente..intrigante..e d'atmosfera...leggendolo avevo esattamente davanti ai miei occhi le scene..ke si susseguivano una dietro l'altra..vedendole con chiarezza... splendido il racconto e le sensazioni che dà..
    Ghita

    RispondiElimina
  26. Nel fumo dei nostri sogni, scopriamo quel profumo della vita che sedimenta dall'anima. Ciò che sai far scaturire con i tuoi versi, ricrea gioia di vivere, ecco perchè li amo molto, grazie Angela
    Salvatore Lucia

    RispondiElimina
  27. Bellissimo! Angela, ti conosco da poco, ma leggo sempre i tuoi scritti che "magicamente" mi trasportano in un'atmosfera suggestiva ma reale....racconti la vita, le emozioni, il "sentire" in ogni sua forma.....coinvolgi e ti appropri dell'anima con un "gusto" difficile da incontrare!
    grazie per queste magnifiche emozioni che sai trasmettermi!
    Brigitte lo Curto

    RispondiElimina
  28. MA TU SEI VERAMENTE COSI'?,,, perchè l'uomo che avrà la foruna di amarti,, dovrà avere la saggezza di assaporare ogni istante di te, perchè una donna così per me esprime sapori e profumi che poche donne sanno creare,, complimenti questa volta hai rapito la mia attenzione ed approvazione,, sò che a te non cambierebbe nulla, ma per me, è tanto,, ciao
    Marco

    RispondiElimina
  29. Difficile lettura, inizialmente, che però ti affascina e ti prende, ti “costringe” a leggere verso per verso fino alla fine, a tornare indietro, rileggendo di nuovo, a scegliere poi alcuni versi, come questo: “stupefacente strato che culla la memoria del cuore senza dolore”, immagini di grande emozione. Come si fa a immaginare un cuore senza dolore? O una memoria senza dolore? Possiamo, allora scegliere, seguendo le nostre stesse storie, i nostri ricordi, i nostri (o no) dolori. E come le mani scorrono, così scorrono liberamente sulle nostre labbra i versi e nella nostra mente immagini ed emozioni.

    RispondiElimina
  30. ...ancora impauriti e intontiti dal disorientamento provocato da quell'affollamento di mani nella foto iniziale, ma seguendo l'antica melodia di Loreena, avvertiamo lo scorrere delle mani, perdendoci nelle visioni di Angela.
    Pino

    RispondiElimina
  31. Manlio sono sempre io per prima ad ammettere una certa "difficoltà"nei miei versi...ma io a intendo come forza e caratterizzazione di un modello che non ha eguali.
    Non è presunzione,è solo una ragionevole facoltà di credere nelle proprie capacità!
    E ne sono sempre ripagata!
    “stupefacente strato che culla la memoria del cuore senza dolore”
    puo' avvenire nella visione di un attimo perfetto proprio perchè sul quel cuore scorrono mani.....
    A.Olino

    RispondiElimina
  32. bellissima, letta ma da rileggere, perchè quelle mani che si intrecciano sono davvero un mosaico di bellezza, un campo fiorito, le viole selvatiche. L'amore, passo dopo passo, cantato da parole meravigliosi.
    Complimenti, è bellissima
    Tatyana Andena

    RispondiElimina
  33. da quando ti seguo?
    forse dall'inizio!
    ci ho scommesso sul tuo successo,mi taglierei una mano se cosi non dovesse essere
    un caro amico di sempre

    RispondiElimina
  34. Cara amica che scopro oggi per la prima volta, ho letto con estremio piacere la tua lirica...all'inizio con difficoltà, dovendo spesso tornare indietro per riallacciare il filo, poi con crescente bramosia di arrivare fino alla fine in un crescendo di sensazioni che ognuno può far proprie...un sapiente velo che ti si posa addosso come una seconda pelle poichè le tue parole possono essere state emozioni di chiunque abbia amato anche una sola volta nella sua vita...Lorella

    RispondiElimina
  35. sì, Angela, sono d'accordo conn te, ma credo lo si capisse già dal mio commento, che appunto, come dici tu, sotto9lineava la "forza e caratterizzazione di un modello che non ha eguali".
    Ciao

    RispondiElimina
  36. vi siete mai chieste che cos'è davvero l'arte?
    vi siete mai chiesti perchè non esiste un verso che valga per chiunque racchiudendo la verità?
    io leggo e rileggo e mi domando che cosa sia questa composizione!
    come se d'improvviso qualche pittore usasse il solo bianco a dipingere un quadro...tutti ne resteremmo colpiti e poi rimetteremmo in discussione tutto.
    Non so chi sia la cerchero' per capire di piu'
    so solo che questa giornata noiosa è diventata molto interessante.
    Bello questo angolo di blog verro' a visitarvi spesso ,s'intende pero' che la mia è aspetativa a questi livelli
    Posso solo sapere se ha già pubblicato?
    Andrea del P.

    RispondiElimina
  37. Cara Angela, con questo tuo lavoro stai mettendo in discussione i confini e il ruolo della poesia, e lo stai facendo divinamente. Finalmente qualcosa di nuovo e bello accade nella nostra strana e polverosa Italia letteraria
    Carmine Monaco

    RispondiElimina
  38. sei d una potenza devastante per il ricordo
    radiografia senza cura da un dolore
    esplosione d urlo muto sospeso nel nulla...
    A.Fimiani

    RispondiElimina
  39. Ho sfiorato lungamente questi tuoi versi... me ne sono impadronito
    Rosario

    RispondiElimina
  40. Manlio non volevo essere polemica!
    anzi
    ho apprezzato molto!
    Angela Olino

    RispondiElimina
  41. Andrea al piu' presto sarà pubblicato un mio primo lavoro
    Sono su FB se vuoi
    Angela Olino

    RispondiElimina
  42. sono felice di leggere una tale partecipazione....
    Angela Olino

    RispondiElimina
  43. ... molto bella... materiale nei limiti e gradevolmente spirituale... complimenti... Pino Soprano

    RispondiElimina
  44. Veramente, Angela, puoi essere soddisfatta del consenso e anche delle note critiche, che sempre arrischino l'esperienza di un autore. Io sono sempre stata certa,dalla prima volta che ti ho letto , delle tue capacità espressive e del tuo continuo scavo di te e delle tuo mondo affettivo e culturale. Perctaanto mi sembra interessante il discorso che vine fuori di qui, con le tue risposte sicure e piene di speranza e di fiducia in te stessa.

    RispondiElimina
  45. E' una tela il tuo scrivere,in cui le mani tessono emozioni e velluti.. è l'ordito e la trama a giungere palese al cuore,in mille immagini intrecciate come dita...catene segrete che proteggono il migrare del tempo nello spazio di giorni assorti.La pazienza e la bellezza vizia frasi a perdita d'occhio.Bel sentire..grazie

    RispondiElimina
  46. Gloria meriti un abbraccio affettuoso e sincero,
    sai che per me ricopri un ruolo diverso della semplice amicizia e mai mi stanchero' di ripeterlo!
    Un grazie a tutti coloro che hanno partecipato!
    Angela Olino

    RispondiElimina
  47. Maria Isabella D'Autilia20 novembre 2009 11:51

    Versi altamente emozionali da leggere e rileggere per penetrarne appieno l'essenza...

    Scadenzati dal reiterarsi dello

    scorrono le tue mani
    scorrono

    quasi che la poesia stessa scorra, ma su due binari, quello della realtà in cui le mani continuano a scorrere e quello dei pensieri che, anch'essi, scorrono mentre scorrono le mani ed inseguono sensazioni ed immagini e ricordi...

    Molto intrigante e particolare, è una poesia da leggere con gli occhi della mente del cuore e dei sensi lasciando aperta la porta delle emozioni, una poesia che avvolge come una carezza e porta a viaggiare intorno al cuore in cui l'autrice ha intinto la penna..

    RispondiElimina