venerdì 18 dicembre 2009

REQUIEM FOR A FALLING STAR di Danilo Carli Stranich


 (Francesco de Marco, Da qualche parte sopra la nebbia).


Una miriade di carboni ardenti
disegna graffi sopra i seni,
cartografia dell'amore
pietra angolare o rosa dei venti.

Reconditi arpeggi di chitarra
incantano le luci derelitte,
è grumo madreperla la città
muta costellazione di collina.

I gatti inseguono filacce scolorite
la tunica buia s'allunga sull'erba;
la sera se ne va in silenzio
un gorgo d'immobile argento le stelle -
piove la nebbia su scossi selciati,
la mia bocca riversa sul tuo petto
è il tempo che svela ogni mistero







67 commenti:

  1. Molto evocativa e visiva insieme. L'attenzione si sposta dalle immagini dentro la stanza ai suoni a immagini esterne e di nuovo sui corpi abbandonati. Bella e intensa, trasognata e concreta. Alessandra Fanti

    RispondiElimina
  2. Prima di commentare, ho fissato il quadro e ascoltata la musica, ma le emozioni più ientense le ho sentite leggedo la poesia, un insieme di immagini che scorrono come un film
    LA SERA SE VA IN SILENZIO...
    è IL TEMPO CHE SVEGIA I MISTERI
    è qua la chiave della vita che si eprime nella sua viva varietà. Complimenti Danilo.

    ANTONIO LANZA

    RispondiElimina
  3. Testo ad andamento circolare, marcato dall'Eros. Lo sguardo, la scrittura si sposta da un "dentro" a un "fuori" come a rappresentare una sorta di amore che si fa onnicomprensivo, fino ad arrivare a personificare la sera.

    Teresa Ferri

    RispondiElimina
  4. Un gorgo d'immobile argento le stelle..bellissimo. Ma io trovo, che oltre che suggestiva è anche molto curata. Voli sempre più alto Danilo.

    RispondiElimina
  5. allora sono ancora più contento :)
    ultimamente mi ero meno dedicato al lavorio formale, alla forma...spesso,concentrandosi sulla forma, siperde il succo.
    spero di essere riuscito, nel mio piccolo, a contemperare queste ossimoriche ma necessarie realtà.
    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  6. io ti ho già commentato..in altro luogo...e mi fa piacere leggere commenti come quello di Salvina che ricalca perfettamente quello che avevo messo in evidenza della tua poesia...continua....e scrivi ...senza troppi formalismi
    Angela Ragusa

    RispondiElimina
  7. reconditi arpeggi di chitarre..è tutta una melodia di parole, di incanti sulla bocca rossa, disposta al bacio, all'amore...suoni arcani di una "cartografia" molto "cesellata" , nel verso e nella scelta delle parole!
    Rosa Cassese

    RispondiElimina
  8. Molto bella Danilo, soprattutto la quartina finale.
    Loredana Oppedisano

    RispondiElimina
  9. E' bellissima. Ma concordo con Loredana: gli ultimi versi mi appaiono più "mossi", più carichi di vita! Un abbraccio.
    Gabriele Prignano

    RispondiElimina
  10. Hai immobilizzato il tempo, come se quella bocca riversa sul petto, bocca come tizzoni ardenti, dovesse gustare il piacere di quel gesto per l'eternità. Tutto si muove ma al tempo stesso tutto resta fermo; la vita ruota attorno al centro dell'universo, che è quel bacio.
    Giancarlo Fattori

    RispondiElimina
  11. razie lory e gabriele...
    esattamente giancarlo,la tua sensibilità ha centrato il punto; l'intorno si muove furiosamente, ma pare fisso, i corpi si agitano, si amano, immortali e sospesi in un bacio
    Danilo

    RispondiElimina
  12. carboni ardenti
    disegna graffi sopra i seni....
    GRAFFITI....
    BELLISSIMA....

    Margot Simpson

    RispondiElimina
  13. carboni ardenti
    disegna graffi sopra i seni....
    GRAFFITI....
    BELLISSIMA....

    Carla Benassi

    RispondiElimina
  14. Be', mi pare che Giancarlo abbia commentato al meglio la Poesia devo dire di alto livello. Così, Danilo, intervengo principalmente per ringraziarTi della opportunità che ci hai dato di leggerla. Complimenti.
    Pasquale Ermio

    RispondiElimina
  15. Un fine lavoro di cesello...Complimenti Danilo, per le emozioni che riesci a dare con i tuoi versi...
    Annamaria Marconicchio

    RispondiElimina
  16. Fra l'altro mi piace molto questo legame fra strofe: " ... miriade- costellazione- stelle....... mistero"
    Pasquale ermio

    RispondiElimina
  17. diciamo che il quadro è quanto più coerente possibile pasquale..e se lo si nota non so, ma cè un evidente legame tra la prima e l'ultima strofa, così come la seconda e la terza sono descrittive.

    non avevo fatto caso al legame da te notato pasquale..meglio, significa che la cosa è ben riuscita :)
    Danilo

    RispondiElimina
  18. diciamo che il quadro è quanto più coerente possibile pasquale..e se lo si nota non so, ma cè un evidente legame tra la prima e l'ultima strofa, così come la seconda e la terza sono descrittive.

    non avevo fatto caso al legame da te notato pasquale..meglio, significa che la cosa è ben riuscita :)
    danilo

    RispondiElimina
  19. silente sera che va via, poi notte, giunta come nera tunica..e le stelle fisse, immobili..Il tempo, nel suo continuo andare, correre e fermarsi..svela sempre ogni arcano... Solenne come un Requiem..emozionante come una stella cadente.. Grazie Danilo.. lieta di rileggerti

    RispondiElimina
  20. Il post precedente è di Dò Dò

    RispondiElimina
  21. Grazie Danilo ,versi ardenti eppur descrittivi i tuoi ,complimenti,è una bellissima lirica .
    Maria Scibetta

    RispondiElimina
  22. Mi sorprendi sempre per la tua bravura, grazie Danilo.
    Pietro Vizzini

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  24. com'è tutto vero la città pur bellissima ci nasconde il panorama datoci dalla natura,graffiati lo siamo da tante ghingallerie che ci adornano e il mistero dell'amore racchiude ogni cosa.con versi stupendi ci ringonzoli bravissimo
    Michle Leotta

    RispondiElimina
  25. Bellissima ed estremamente originale. Una delle cose migliori che abbia mai letto
    Domenico Turco

    RispondiElimina
  26. Suscita forti emozioni che restano impresse sull'anima.
    Daniela Bigottà

    RispondiElimina
  27. Stupenda... oltre ad essere eccelsa formalmente, scende davvero in profondità. Questa sì che è poesia!
    Floriana

    RispondiElimina
  28. Peccato che nessuno voglia pubblicare le poesie:(
    Danilo

    RispondiElimina
  29. Ricerchi il suono della parola in ogni tuo verso, come a voler comporre un'opera musicale.Il titolo e la chiusa poi, sono qualcosa di fenomenale
    Davide Cautiero

    RispondiElimina
  30. Dani, una poetessa che conosco, arrivata seconda al premio Viareggio, mi ha detto che la poesia non vende... bisogna rivolgersi a quei pochi editori che la promuovono... secondo me devi tentare, anche con uno locale... sarebbe uno spreco troppo grande non farlo
    Floriana

    RispondiElimina
  31. molto bella....ma i versi che mi toccano di più sono...."la sera se ne va in silenzio"....il resto è il solito Danilo che ormai tutti conosciamo.....:-)
    Tony Lavena

    RispondiElimina
  32. Giovanni Rainone Bella la POESIA un inno all'amore,l'amore carnale fatto di cose quotidiane"carboni ardenti" che fanno dei graffiti sul seno dell'amata.Arpeggi di chitarra,le luci incantate la citta si ferma diventando piccola sulla collina resta come una muta costellazione a guardare il fiorire dell'amore.Arriva la sera e i gatti inseguono i filacci scoloriti,... scende la sera sul paesaggio come la tunica scura dell'amata che si prepara per una notte di passione,mentre brillano le stelle argentee o piove la nebbia la tua bocca é riversa sul suo petto a scoprire ogni millimetro per svelare ogni suo mistero,per scoprire qualcosa d'incognito.Bella veramente spero di averla interpretata bene,sei un grande POETA.

    RispondiElimina
  33. Grazie Danilo, leggerti è sempre un piacere.
    La tua poesia, fa amare la poesia!
    Ti abbraccio ♥
    Maria Savasta

    RispondiElimina
  34. Non so esprimere un giudizio, caro Danilo, e non voglio farlo...
    Tu sai quanto ti stimo...ma qui non sento scorrere la tua passione, non sento il sangue palpitare...
    C'è una ricerca formale enorme e molto interessante, è vero...immagini non banali che evocano sensazioni e moti dell'animo i più diversi , che parlano alla mente, meno al cuore...una ricerca di sonorità dall'inizio alla fine che hanno difficoltà ad espandersi dentro di me...
    Forse questa lirica potrebbe ridursi a due versi:
    "La mia bocca sta riversa sul tuo petto... Mostra tutto
    E' il tempo che svela ogni mistero".
    Ma questo sarei io e non tu...e allora sto zitto, e leggo e rileggo i tuoi versi nella speranza di riuscire ad entrare, attraverso un qualche pertugio, nel tuo mondo poetico.
    Mario Peverada

    RispondiElimina
  35. E' il tempo che svela ogni mistero !!!! Bellissima !!! Grazie di cuore.
    Alfonsina

    RispondiElimina
  36. Poesia molto bella !!! traduci i sentimenti in immagini e parole dal forte impatto emotivo!!!Grazie, Danilo.
    Maria Dini Saraceni

    RispondiElimina
  37. "I gatti inseguono filacce scolorite
    la tunica buia s'allunga sull'erba;
    la sera se ne va in silenzio
    un gorgo d'immobile argento le stelle -
    piove la nebbia su scossi selciati,... Mostra tutto
    la mia bocca riversa sul tuo petto
    è il tempo che svela ogni mistero"

    Che bella Danilo.......che bella.......
    immagini non banali descrivono quello che vedi e quello
    che senti mentre osservi......A volte, mentre ti leggo, sento sempre piu' di abitare in un posto cosi' poco in contatto col legame natura/uomo......
    Riccardo Gaeta

    RispondiElimina
  38. Graffia il Seno...il tempo...rivelando ogni mistero...

    Bellissima...Danilo...
    Capitanucci Vincenzo

    RispondiElimina
  39. riccardo, basta avere qualche bel ricordo..
    per fortuna li ho, i ricordi.

    e grazie vincenzo, grazie a tutti voi
    Danilo

    RispondiElimina
  40. sempre gradevolmente delicata... bellissima, Grazie.
    Pino Soprano

    RispondiElimina
  41. bellissima Danilo grazie per questo tag amo la poesia ed è la prima volta che ti leggo, scrivi divinamente una bellissima lirica grazie di cuore ♥ ♥ ♥
    Albina

    RispondiElimina
  42. E' la prima tua poesia che ho il piacere di leggere. L'inizio e il finale sono di grande intensità e bellezza. Trovo che hai avuto la capacità di evocare una fortissima passionalità sotto un velo di parole ed immagini delicate che però non tolgono nulla all'intensità della passione che evocano
    Sabrina Ludovica

    RispondiElimina
  43. Anche per me è la prima poesia che leggo di te ... è devo dire che è una gioia immensa ... Delicato come una piuma nel descrivere qualcosa di grande ... Grazie di cuore per avermi aperto il tuo mondo ... Cinzia .. ♥ ♥ ♥

    RispondiElimina
  44. Molto bella e coinvolgente...una delicata emozione!!!
    Salvatore

    RispondiElimina
  45. Quando leggendo una poesia, si sentono i brividi, vuol dire che ha fatto centro, la tua emoziona, perchè ci fa fermare per pochi secondi, e riflettere..........
    dalla collina nitida la città con le sue luci, mentre in una descrizione poetica, è in agguato il preludio alla notte, carica di aspettative amorose e non solo........
    " muta costellazione di collina..." la visione della cotellazione
    risulta essere senza parole....
    mi piace ..........Paola Maria Leonardi

    RispondiElimina
  46. Non capisco perchè un titolo in inglese per un bel gruppo di versi ben elaborato, una poesia visiva, bravo,Tony

    RispondiElimina
  47. Daniela Fenoaltea19 dicembre 2009 00:27

    Bella, molto curata!! Bravissimo!!
    Seni con "graffi" e "carboni ardenti". Passione gustata dalla tua bocca ardente e i tuoi segni lasciati sulla pelle per non cancellare questi momenti....Ciao, è stato interessante leggerti!

    RispondiElimina
  48. sono contento di leggere i commenti di antonio lanza, alessandra e teresa..dietro alle mie poesie cè molto lavoro, lavoro sulle sensazioni, sulle immagini, sui suoni..questo non significa che siano fredde, tutt'altro..
    io scrivo poesie per esorcizzare i ricordi; la sistemazione "poetica" mi dà maniera di sublimare gioie e dolori...di riconciliarmi col passato.

    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  49. c'è lavoro formale, c'è una situazone emotiva forte, che giunge a una delicatissima trasfigurazione lirica.L'arte si raggiunge attraverso un procedimento selettivo dell'ispirazione. C'è l'amore,che è sempre sete di conoscersi e di liberarsi di fronte a un destino che limita la nostra conoscenza del sè. E il tempo, che svela ogni mistro sia dell'io che dell'amore, e del nostro modo inquietante dell'essere nell'universo. Pertanto, proprio perchè c'è lavoro artistico e tasfigurazione lirica, ci troviamo di fronte a poesia vera, otteenuta con fatica d'arte e con emozioni intense, e non di fronte a un semplice sfogo emotivo

    RispondiElimina
  50. grazie gloria, penso che tu abbia perfettamente inteso il senso della lirica, ed anche del mio precedente intervento :)

    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  51. e che bello il brano che hai scelto, il quadro..tutto si sposa alla perfezione..che bella sensibilità...grazie

    D.C.S.

    RispondiElimina
  52. Daniela Fenoaltea19 dicembre 2009 01:35

    Concordo, non è un semplice sfogo emotivo...

    RispondiElimina
  53. Sorprendente il percorso poetico di questo ragazzo: ricordo le prime poesie sue che ho letto e che già allora (più di un anno fa) facevano trasparire emozioni e sensibilità rare.
    Questi versi sono un’ulteriore conferma e tappa del suo affascinante viaggio.
    Ho letto i commenti e quello tra gli altri che condivido di più è quel che scrive Mario Paverada, non tutto, ma quando dice: “C'è una ricerca formale enorme e molto interessante, è vero...immagini non banali che evocano sensazioni e moti dell'animo i più diversi ...”.
    Io posso solo aggiungere che Danilo sa disegnare con maestria nella scelta dei colori, situazioni movimenti dell’animo legati alle cose, che dalle cose (“carboni ardenti…arpeggi di chitarra…gatti…nebbia”) risalgono alle emozioni, con verità e delicatezza, ma anche con forte impatto dei sensi.
    Completezza di un poeta da cui non è difficile attendersi nuove e sempre più belle liriche. Danilo è giunto all’età che segna il passaggio dalla adolescenza alla maturità del poeta. Maturità da costruire sempre meglio, ma tutta già presente e ricca di attese e promesse.
    E come non restare affascinati ("la tunica buia s'allunga sull'erba /... un gorgo d'immobile argento le stelle /...la mia bocca riversa sul tuo petto")? C'è colore e suono, melodia e corpi che s'incontrano, in una drammaticità esistenziale che raccoglie in sé una Weltanschauung che ci consente di unirci a quella parte di noi che nei suoi versi ha radici collettive di appartenenza

    RispondiElimina
  54. Un continuum esteso dall'alcova in città, passante per la collina con meta le stelle,lo sfondo delle erotiche schermaglie di un giorno d'amore.
    Artisticamente una creazione di raffinata maestria.

    Gilberto Fanfani

    RispondiElimina
  55. Le tue poesie Danilo mi sembrano una stella che pulsa....che deve esplodere ma non esplode e pulsa. Rossa arancio ne vedo l'interiorita' la profondita' ma non esplode in inutili fronzoli o in difficili arzigogoli. Rimane salda ed essenziale dentro ad un linguaggio che non mi sembra tracotante.

    Gaeta Riccardo

    RispondiElimina
  56. grazie gilberto (che bella la tua poesia sul blog) e grazie riccardo (lo sai che ti stimo :))
    ma grazie manlio, le tue parole mi inorgoglisono perchè testimoniano la tua stima nei miei confronti..grazie davvero.
    ricordi ciò che ti dissi in occasione del mio precedente scritto,"abbandono"?si trattava di uno sfogo..ma la poesia (la mia) per me è altra cosa.
    come dicevo poc'anzi,per me la poesia è un'occasione, una occasione per lavorare su me stesso, sui miei ricordi che sono, al tempo, o troppo belli o troppo brutti (che tallone di achille la sensibilità...) ed è attraverso questo lasciarmi andare ai ricordi, alle immagini, attraverso il successivo lavoro sulle parole, sui suoni...che io faccio pace col passato...è una terapia insomma per me scrivere, e sono contento di venire apprezzato, sia a livello emozionale (non scrivo parole vuote od esperienze mai vissute) sia a livello squisitamente "tecnico".
    ripeto cè tecnica, i più attenti la avvertono ma cè, sinceramente e veramente...verità.

    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  57. Perchè tu sei vero, sensibile e profondo, perchè non potresti scrivere cose non sentite o non vissute, ecco perchè le tua poesia piace e lascia stupefatti, perchè hai l'animo del poeta, quello vero, anche se sei così giovane... Chissà cosa scriverai quando sarai adulto e maturo, quando la tua tecnica si sarà ancora più affinata e quando avrai tante gioie e dolori da raccontare...
    Salvina

    RispondiElimina
  58. è bellissima, immagini evocative di paesaggi e di intimità allo stesso tempo, fuori e dentro che si incontrano nell'anima che traduce ogni luce, ogni pensiero, ogni desiderio. Complimenti!
    Tatyana Andena

    RispondiElimina
  59. Bella questa parvenza di melodiche chitarre, colonna sonora alla traccia luminosa delle stelle che ardono e cadono.
    Musica e luce; dai vetri delle case, luminosità di mille vite, stanchezza quotidiana levata in alto alle stelle, rischiara il buio della collina
    “ Da stelle a stelle “ricordano i nostri vecchi.
    E ancora stelle, “argenteo gorgo immobile”a vegliare sugli amanti senza luogo e senza tempo.
    Poesia luminosa rigata da una screziatura di sogno romantico

    Adriana Scanferla

    RispondiElimina
  60. graffiti di passioni su tela viva..
    più quadri d'autore che accompagnano l'occhio con piacevoli suoni e sensazioni..

    nicola mazzilli (libero pensatore)

    RispondiElimina
  61. vi ringrazio tutti, parlare con voi e leggerei vostri commenti è stato assolutamente gratificante....grazie davvero :)

    D.C.S.

    RispondiElimina
  62. Una lirica bellissima. E al calar della sera che in silenzio va via,mentre la mia bocca riversa sul tuo petto,il tempo svela il mistero. Stupenda

    RispondiElimina
  63. Danilo,vorrei farti arrabbiare..dicendoti che c'è poco da dire...:P
    Oggi per me è una giornata difficile,ma mi fermo qui perchè ti stimo e so cosa e chi sei.Ti osservo,da un bel pò.Sei in evoluzione.Alle volte ti lasci andare, altre cerchi soluzioni fantastice alle tue parole.Qui vedo molto di questa evoluzione.Sai scandire immagini quasi cinematografiche in scarni e bellissimi versi.Ma intando dici molto e ce lo fai vedere con semplicità,anche quello che in primo momento potrebbe sembrare oscuro,criptico si dipana e si palesa.
    Ci immergi in una atmosfera che con competenza disegni,scolpisci fra luce ed ombre.C'è movimento,c'è staticità.Ci sei tu..e non è poco.
    Grazie per questa nuova emozione caro ragazzo.

    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  64. grazie a te daniela..mi spiace per questa giornata difficile...:(
    ti sono grato per l'analisi attenta a riguardo della mia "produzione"; a volte temo di essere ripetitivo..ma le tue parole significano che, per ora, è bene così.

    grazie a te, grazie ancora a tutti...ed alla prossima poesia nel bel blog di gloria.

    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  65. Grazie a tutti voi. E' stata una bella esperienza. Ma non ci saranno più poesie da commentare in questo blog. Forse una o due e poi mi ritiro. Non posso continuare da sola, mi stanco troppo e tralascio le cose più importanti della mia vita, come il lavoro, mia figlia, la lettura e la mia poesia. Devo ringraziare Danilo, che ha collaborato molto, ma il più della volte gli autori non mi danno neanche la disponibilità di mezza giornata per intervenire nella discussione. Se chiamo gli amici, non hanno mai tempo per commentare.
    Allora non mi resta che rassegnarmi. Il blog vive di commenti e di dialogo. Volevo proprio formare una comunità dialoganta. Ma non è stato possibile.
    Saluto tutti e ringrazio i letori-poeti-commentatori della loro partecipazione. AARRIVEDERCI. Non so a quando....

    RispondiElimina
  66. Buone festività a tutti quello che leggono il blog

    RispondiElimina
  67. Faccio un primo passo nel tuo sito, Gloria, sotto i candenti versi del giovane Danilo.
    Arrivo forse troppo tardi, come in tante fasi della mia vita, ma credo in tempo per chiederti di rivedere questa tua decisione. Questi giorni sono diversi, bruciano ore e ore d'attività obbligata. A gennaio sarà di nuovo tutto più quieto, e ti darà la possibilità di rientrare in orbita, piano piano...
    Un abbraccio a te e ai tuoi cari amici dalla lontana Caracas,
    Vittorio ***

    RispondiElimina