giovedì 3 dicembre 2009

UN GIORNO O L’ALTRO TI AMERÒ di Alessandra Fanti





                                (Sinestesia in C, foto di Roberto Matarazzo)






Tu credi
forse
ch'io non ne sia capace

che il cuore prosciugato
da troppa attesa
non sappia più
di sola volontà
spiccare il volo

e invece
basta solo
che io la dica
quella parola stanca

e mille altre si affanneranno intorno
a fare tavola imbandita
di versi e voluttà
e abbracci

Un giorno o l'altro
è certo
un giorno o l'altro

io ti amerò
di nuovo


se
solo
lo
vorrai...







28 commenti:

  1. La poesia femminile ha spesso come tema l'attesa.Un'attesa fatta di pazienza abnegazione,silenzio,sopportazione del vuoto.Perchè la donna è capace di amare in silenzio senza aspettativa alcuna,in una danza che contempla basilarmente la concezione più spirituale dell'amore.Un amore che giunge da un piano superiore di questo vissuto,che tutto permea,tutto comprende.Un amore che riesce a tornare sebbene sia lontano,ma mai perduto,custodito con cura,ricordando la figura femminile che mantiene acceso un minuscolo fuoco e lo preserva dallo spegnimento con la sua perenne presenza,costanza.Questo è l'amore di Alessandra e brilla in lei la capacità di risvegliare e di risvegliarsi da un letargo emotivo con profonda speranza,nonostante spesso l'uomo sia solo ombra.

    Ti abbraccio mio specchio..<3

    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  2. Maria Isabella D'Autilia3 dicembre 2009 12:08

    Parole scandite piano...quasi con occhi di speranza. Un cuore prosciugato che attende un gesto, una dimostrazione che l'altro voglia ancora, per dissetarsi e riprendere a battere. Parole che chiedono il rispetto dei tempi dell'amore delle donne...tempi troppo spesso fermati, dilatati dall'attesa, un'attesa che rende riarsi, a volte, sentimenti e cuore...che rende stanca la parola amore, eppure pronta a rialzarsi e scatenare tutta la passione.

    Come una vestale la protagonista di questi versi suggestivi, custodisce la fiamma flebile, la nutre di speranza e di futuro, in attesa che quella parola che lei pronuncerà la faccia rinvigorire, guizzare viva, forte...

    Quanta delicatezza in questi versi, quanta dolce fermezza...

    RispondiElimina
  3. he il cuore prosciugato
    da troppa attesa
    non sappia più
    di sola volontà
    spiccare il volo

    Un cuore in attesa sembra quasi prosciugato e incapace di amare, ma in esso arde sempre un sentimento forte, che può appannarsi, ma non finire. Basta la parola, un gesto per risvegliare tuta la capacità di donare e amare. E' la consuetudine all'attesa che rende le donne pronte a rinascere e trasformarsi

    RispondiElimina
  4. Di quest' autrice io mo l'estrema semlicità, l'asenza di enfasi e di preziosimi linguistici. Tutto è chiaro, tutto sentito intensamente, anhe se con dolore e paura di perdersi

    RispondiElimina
  5. cara alessandra, quanta vicinanza! è il modo di sentire, di vivere l'amore di noi donne. sfinite dal dolore, sempre ci solleviamo pronte a un nuovo amore e aspettiamo solo di essere accolte... ma l'accoglienza è una disposizione che appartiene all'essere femminile. Claudia De Crescnzo

    RispondiElimina
  6. C'è un punto fermo, io guardo quello. Di nuovo.
    Bella, sento due voci, due toni, due parole. di nuovo.
    Grandissima prova, e lo scritto, e quella che spetta all'io che scrive, amare di nuovo
    Brava Alessandra romeo

    RispondiElimina
  7. letto il tuo scritto e mi ha riportato alla memoria un racconto breve della Yorsenauer (non so se si scrive così e sono molto pigro per controllare). Là si racconta di una ragazza innamorata di un uomo che non ricambiava, e pur di essere seducente ai suoi occhi, si era degradata a puttana, pur di conquistarlo. Questo romanzo l’ho trovato eccezionale per le sue dinamiche come eccezionale è il tuo scritto. Bello. Mi piacciono gli incip che ti trasportano nel vivo di uno scritto. E' però uno scritto che cammina un pò con vari passi. Decisi in certi momenti e incerti in altri. Forse lo hai pensato in diversi momenti e si sono accavallati stati d'animo. A tratti avrai perso anche la concentrazione e forse pensavi ad altro...il foglio ti ha richiamato a quello che stavi facendo. Ci sono frasi messe come posticcie. Il tutto scorre mitigato da un certo ritmo che fa passare le sbavature come rumore di sottofondo Doni Onid

    RispondiElimina
  8. aro Doni, a parte l'imbarazzo di essere accostata a una grande scrittrice, direi che ci hai preso abbastanza... l'ho scritta sotto la spinta di una frase (il titolo) che mi ha preso molto, ma ho avuto difficoltà nelle strofe centrali di cui non sono soddisfatta per niente... Grazie per la tua lettura così attenta. alessandra fanti

    RispondiElimina
  9. Spesso una frase si impone alla mente senza che io sappia da dove venga e chi sia il tu a cui parlo: è come avere accesso ad un luogo in cui le parole si srotolano lungo un sentiero e mi guidano. Spesso è solo alla fine che rileggendo scopro il senso e la piccola verità su me stessa che ho espresso. Così è successo per questa mia in cui ribellione alla sfiducia, orgoglio di sè, fiducia nell'amore, resa al bisogno di essere accolti amanti, si mischiano e si confondono uno nell'altro.
    Alessandra Fanti

    RispondiElimina
  10. Le strofe centrali a cui faccio riferimento nel commento precedente in risposta a Doni sono state eliminate. Effettivamente la versione che ne è emersa pare anche a me più equilibrata e vera. E' uno dei vantaggi del condividere gli scritti con chi come lui, e tanti sa leggere davvero.
    Alessandra Fanti

    RispondiElimina
  11. annamaria marconicchio3 dicembre 2009 22:16

    E' un testo dolcissimo, da leggere sottovoce, che ti penetra dentro e ci resta... Perchè i propri sentimenti non vanno gridati, ma sussurrati, nella speranza che chi ti ascolta commprenda e sia pronto a bere le tue parole...

    RispondiElimina
  12. Anonimo ha detto...
    Lirica dolce e toccante con un ritmo alterno, mai aggressivo. Il cuore non esaurice mai la carica di amare, l'attesa è come la speranza, si alimenta sempre positivamente. La grazia e la generosità fanno di questo cuore un emblema da custodire da contaminazioni
    Antonio lanza con ammirazione

    RispondiElimina
  13. Anonimo ha detto...
    Una poesia che si legge con piacere, scritta bene con versi fluidi e magici. L'attesa, la generosità,un messaggio d'amore da non dispedere nella nostra indiggerenza.
    Antonino E.

    RispondiElimina
  14. L'attesa che prosciuga il cuore non è quella di un amato che non risponde, ma è il coraggio che ci manca nell'amare senza garanzie o contropartite; la parola, quella che neppure può essere nominata, è stanca di un lavoro che le viene imposto ma non è il suo, degli abusi e delle svalorizzazioni della banalità e del commercio che intorno a lei si fa; il dialogo è in realtà soprattutto tra un sè consumato e un sè che ancora sa di sapere amare...
    Alessandra Fanti

    RispondiElimina
  15. A volte manca,come dice Alessandra il coraggio di amore, ancor più se non si è certi della risposta. Ci si può prosciugare nell'attesa, nell'accumularsi delle banalità del quotidiano. Ma intanto l'amore è l'unica possibilità di salvezza, in un'aridità di fondo, in un clima di sgomento diffuso. Antonella

    RispondiElimina
  16. il poeta è anche questo:un cercatore di amori e cose attese e forse perdute. e ancora ritrovate.
    avvolgersi nella forza di questa poesia è un modo di essere presenti nell'attesa e di cercare un amore forse perduto

    RispondiElimina
  17. Basta solo che tu lo dica... quale dolce remissione, docilità verso un amore che deve arrivare. Bella poesia che si legge provando emozioni e nostalgico desiderio.
    Romilda

    RispondiElimina
  18. Romeo RajaC'è un punto fermo, io guardo quello. Di nuovo.
    Bella, sento due voci, due toni, due parole. di nuovo.
    Grandissima prova, e lo scritto, e quella che spetta all'io che scrive, amare di nuovo

    RispondiElimina
  19. ale è bellissima direi strepitosa... non so perchè ma è arrivata al momento giusto. complimenti TVB
    R. Graffeo

    RispondiElimina
  20. Daniela Fenoaltea4 dicembre 2009 04:53

    Aspettare un'amore che bussa al tuo cuore ormai stanco nell'attesa. Sai, per certo, che apri le ali del tuo cuore per raggiungerlo a braccia aperte. Per lui dirai, ancora una volta, amore e non solo, a questa affiancherai frasi tradotte in versi espressi con vera passione.
    Tutto accadrà, un giorno o l'altro, ma solo se lui vorrà.
    Malinconica è la speranza. I versi brevi, intensi e ben curati nella sintesi.
    E' molto bella! Ti abbraccio!!

    RispondiElimina
  21. La lirica è stata molto approfondita da tutti i lettori che hanno espresso la loro opinione sin qui. Ed è soddisfacente sentire come i lettori-autori sinteressino sempre di più alla poesia in generale. Va notato anche il bellissimo brano malinconico e di grande valore musicale, tanto è vero che è stato usato in un film del grande regista Wim Wenders. L'immagine poi è una straordinaria composizione sinestesica e composita di Roverto Matarazzo. Tutte queste belle espressioni artistiche accompagnano la pesia di Alessandra.

    RispondiElimina
  22. Poesia questa di Alessandra Fanti iun cui l'explicit potrebbe essere anche il suo incipit:
    Se solo lo vorrai:Io ti amerò di nuovo,oppure,Io ti amerò di nuovo se solo lo vorrai.Ma saggiamente l'autrice ha scelto la disposizione migliore,che lascia sospesaa l'attenzione del lettore tenendolo maggiormente"legato"fino alla fine.
    Certo è difficile riamare unapersona.Un sentimento sincero di amore non finisce o s'interrompe ma viene sospeso dal destino.In realtà non è un riamare ma un continuare ad amare.Quindi la sfida lanciata nella prima strofa è certamente e facilmente vinta,e come sparare sulla crocerossa.
    Elegante e intrigante poesia. Glilberto Fanfani

    RispondiElimina
  23. molto chic e sensuosa.. i miei complimenti
    r.m.

    RispondiElimina
  24. molto dolce questa poesia, un invito a un amore disposto ad aspettare nel tempo..risuonano note nostalgiche, malinconiche, mitigate dall'immagine di volutta e abbracci, complimenti!
    Tatyana

    RispondiElimina
  25. Amore che s'inabissa carsicamente nel silenzio del cuore, ma s'inabissa non muore...ed è pronto a riemergere dal varco di uno sguardo, di una parola che si apre nella roccia.
    Bella!

    Ginevra di Camelot

    RispondiElimina
  26. Amare ancora, amare di nuovo, amarti di nuovo...risvegliare un amore dormiente...quanto è comune questo nel sentire delle donne!
    Quanto l'attesa, la lunga attesa può fare addormentare la capacità di amare...
    Brava, con poche asciutte pennellate hai tracciato il ritratto di momenti che in molte abbiamo vissuto.

    Marly

    RispondiElimina
  27. Ringrazio tutti dei bei commenti e delle accurate analisi..Lo scopo di questo blog è di divulgare e far amare la poesia. Le vostre attente letture aiutano tutti a leggere con cura e a penetrare in tutti i significati delle parole e dei versi. Grazie davvero

    RispondiElimina
  28. "e mille altre si affanneranno intorno
    a fare tavola imbandita
    di versi e voluttà
    e abbracci"
    E' il verso più autentico, il resto è incertezza, attesa ,speranza.
    Ancora arde un amore che possiede mille parole e abbracci e baci.

    "Dammi baci cento baci mille baci
    e ancora baci cento baci e mille baci!"
    cantava Catullo follemente innamorato della sua Lesbia.
    Un cuore "prosciugato" si infiammerà più facilmente, di nuovo o in modo nuovo..
    Complimenti Alessandra
    Adriana Scanferla

    RispondiElimina