sabato 23 gennaio 2010

SWAN SONG di Danilo Carli Stranich

 


(La casa nella notte di Franco Fortunato, nuovo surrealismo visionario e fantastico italiano)


Chiama alla finestra una luce nera.
Viene dal fondo del vento,
da una terra rossa
sorda di campane.

Ci trae nel suo galoppo di maree,
rumore di rive dove i nostri passi
s'affondano come i passeri di sera.
Ti amo allora, adesso.
E qui, nella mia casa,
sotto la notte che allunga
la sua pesante rete alla distanza,
salvati dal lamento dei vertici
della città assediata,
lontani dall'inverno che sfoglia
la sua dura scorza di ghiaccio,
nel centro del tuo nome t'aspetto
come una goccia di luce che palpita.





87 commenti:

  1. o forse è invece la separazione degli amanti dal sociale a renderli speciali?
    cè dispiacere e compiacimento, cè la specialita di due esseri che si aspettano,si amano.
    danilo

    RispondiElimina
  2. è giusto, in apertura, abbozzare una nota introduttiva di questa mia poesia; chi mi ha già letto, sa del mio amore per la sensazione, per le immagini..solitamente, quando scrivo, mi balza in mente una parola, da quella un'altra, un'altra ancora...e la poesia prende forma: solo alla fine ne avverto il senso, solo alla fine capisco perchè e soprattutto, per chi ho scritto.

    Ringrazio ancora gloria per il regalo di questo spazio..e chi vorrà intervenire, raccontando le proprie sensazioni sulla poesia.

    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  3. Ennio Plauto Speciali, ma scissi dal mondo, e purtroppo questo mondo non dà un bell'esempio, in effetti.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Giulietta e Romeo, amore forte e negato, passione e dolore, i baci sono quelle piccole pietre che una dopo l'altra li avvicinano sempre più, anche se allo stesso tempo i loro cuori sembrano sempre più distanti a.Stocchero

    RispondiElimina
  6. Poesia di grande fantasia ma in chiave strettamente personale:L'ermetismo comportato rende ardua una sufficente interpretazione dei fatti.Tuttavia il notevole valore artistico della lirica viene solo minimamente diminuito.

    Gilberto Fanfani

    RispondiElimina
  7. Confesso che è molto difficile commentare versi di questa straordinarietà, riferita al ritmo ed alla sua musicalità intrinseca, culminanti nella fusione spirituale e fisica: "che nel centro del tuo nome t'aspetto come una gocce di luce che palpita...", grazie Danilo.

    RispondiElimina
  8. amo allora, adesso.
    E qui, nella mia casa,
    ...nel centro del tuo nome t'aspetto
    come una goccia di luce che palpita."
    Integra e musicale nudità di poeta verso il centro d Uno.... Mostra tutto
    Coraggio e levità,
    abbracci di piume,
    l Amore!
    Alessandro Firmiani

    RispondiElimina
  9. dolcissima elogia d'amore che rimanda ad un'essenza delica e poetica col giusto sentimentalismo che fa da cornice ad un componimento assai raffinato
    Cristian Pretolani

    RispondiElimina
  10. Affascinante.
    Libera nella mente, "l'incontentabile interpretazione
    Capelloni

    RispondiElimina
  11. per ogni passione i poeti andrebbero alla deriva...
    fino a sentire l'anima vibrare come liuti al vento.
    Per questo non rinunciano alla saggezza!
    Molte vite somigliano ad un palinsesto organizzato, con rime e note scribacchiate pigramente in vacanza.
    Eroma

    RispondiElimina
  12. Carmen Caramazza é stupenda... forte ,passione dolorosa intensa carica di sentimento e di stordimento in un sentire che è di rosso così cupo da sembrare nero... in quella GOCCIA che di Luce palpita... GRAZIE :)

    RispondiElimina
  13. Questa poesia è meravigliosa!!!!
    C'è praticamente tutto. L'angoscia e la paura dell'ignoto che ci circonda e attende,la voglia di vivere le emozioni ora e subito,con bramosia e voluttà,il tutto condito da un delicatissimo ma allo stesso tempo "forte" romanticismo.
    Bravissimo Danilo,mi sono emozionata leggendola
    La Iena

    RispondiElimina
  14. Confesso che è molto difficile commentare.Questa poesia è meravigliosa!!!!
    C'è praticamente tutto. L'angoscia e la paura dell'ignoto che ci circonda e attende,la voglia di vivere le emozioni ora e subito,con bramosia e voluttà,il tutto condito da un delicatissimo ma allo stesso tempo "forte" romanticismo.
    Bravissimo Danilo,mi sono emozionata leggendola
    Hilde

    RispondiElimina
  15. Pasquale Maisto ...."salvati dal lamento dei vertici
    della città assediata"....... Grazie per avermi pensato e continua a "nutrirci" con le tue poesie. Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Dany Barone Ehi ciao danilo, intanto grazie per avermi taggato..sono onorato..comunque che dire?! hai una sublime arte di scrivere, la lirica coinvolge..davvero bella =)

    RispondiElimina
  17. Rita Pacilio Complimenti tanti! Come sempre bellissima!

    RispondiElimina
  18. Bellissima e particolare per i diversi accostamenti,una poesia carica di significati.BEllissima,
    Giovanni Rainone

    RispondiElimina
  19. Giancarlo Moon Willow Fattori il mondo rifuta due persone che si amano perchè il mondo è diventato incapace di amare...ma lo è mai stato capace? La poesia è struggente, come sabbia che scappa dalle dita

    RispondiElimina
  20. Aspettare chi "chiama" vivendo la certezza del "Ti amo adesso". Ciao Danilo :)
    Pasquale ermio

    RispondiElimina
  21. chissà perchè il mondo rifiuta due persone che si amano...

    ciao ennio :) danilo

    RispondiElimina
  22. Perché l'amore è il miglior antidoto al potere. Ciao^^
    Ennio

    RispondiElimina
  23. Difficile la poesia d'amore... il melenso e il retorico sono sempre in agguato... ma tu non corri questi rischi." nel centro del tuo nome" complimenti
    Cuscianna

    RispondiElimina
  24. Concordo con Ennio Plauto. Più c'è repressione sessuale, più c'è oppressione adriana Scanferla

    RispondiElimina
  25. Dentro la casa calda e luminosa ti aspetto.
    Fuori il buio… il vento trasporta un suono di campane, suono greve di un Dio inquisitore.

    Rumore d’onda risveglia il ricordo che affiora, sprofonda, s’annida spaurito, riemerge : Ti amo allora, adesso , per sempre...forse.
    Qui nella mia casa amore mio ti aspetto, il manto della notte ci proteggerà dal freddo e dai maligni che inveiscono contro di noi con bocca colma di fiele…... Mostra tutto

    Bella Poesia, parla di un dolce amore un po’ assediato ma se c’è assedio c’è casa, calore, vita.
    Non si può assediare il nulla.
    Mi piace Danilo, scivola lieve ma lascia una traccia permanente, grazie ..

    Adriana Scanferla

    RispondiElimina
  26. Struggente desiderio di stare in intimità con l'amata, "salvati dal lamento dei vertici / della città assediata..."
    Emanuele

    RispondiElimina
  27. lontani dall'inverno che sfoglia
    la sua dura scorza di ghiaccio,
    nel centro del tuo nome t'aspetto
    come una goccia di luce che palpita.
    Tutto molto intenso nella penombra. L'amore porta sempre isolamento, chiusura per un po' di tempo. Sembra sconvolgerci... Mostra tutto
    totalmente diviene un assoluto, per poi rinnovarci e ricondurci verso l'alba del giorno che sta già arrivando

    RispondiElimina
  28. Riccardo Gaeta E' vero...bella questa.....l'amore è il miglior antidoto al potere....grande Ennio...^^

    RispondiElimina
  29. come al solito grandissimo ennio :)

    dai vostri commenti è uscita fuori una ulteriore interpretazione della poesia, poesia d'amore si, ma con qualcosa di "diverso".

    Danilo

    RispondiElimina
  30. Paola Maria Leonardi Una lirica che ha tute le caratteristiche di un vero canto d'amore.
    L'aspetti sempre, e fai bene, la speranza è la nostra compagna di vita...guai se non ci fosse.
    Grazie Danilo
    mi piace
    ciao

    RispondiElimina
  31. Una lirica che ha tute le caratteristiche di un vero canto d'amore.
    L'aspetti sempre, e fai bene, la speranza è la nostra compagna di vita...guai se non ci fosse.
    Grazie Danilo
    Paola Maria

    RispondiElimina
  32. Liliana Valen Svegliati e sollecitati da forze naturali, ecco come ci tendiamo in scambi, che sollevano il momento, al di sopra della consueta routine.
    Ogni forma di amore lo può.

    RispondiElimina
  33. Fabiomassimo Lozzi grazie Danilo, è veramente molto bella con un sentore di antico, eterno e attuale al tempo stesso. Sempre bravo!

    RispondiElimina
  34. Un senso antico ed eterno, come l'amore, come le maree...
    <Emanuele

    RispondiElimina
  35. Grazie Danilo, le tue parole suscitano sempre profonde riflessioni e la tranquillita' che provo quando leggo qualcosa di bello e struggente,grazie con grande stima ♥
    Elisa

    RispondiElimina
  36. Davide Cautiero Un dolore che oserei definire rassicurante, che non rinnega l'amore e le sue pene, ma che ne canta la speranza.
    Bellissima, complimenti Danilo

    RispondiElimina
  37. un canto d'amore in una gocce di luce... Gradita!
    Dora

    RispondiElimina
  38. Comlimenti davvero per la tua bellissima poesia, ricca di meravigliose immagini e metafore. E' un canto dolce il tuo ma forte e intimo, pieno di amore e di speranza, e anche dotato di una profonda originalità
    Lenio

    RispondiElimina
  39. Lu Agnello La descrizione poetica della "fusione" dei due amanti, scissa, quasi emarginata dal mondo, mi fa pensare ad una tua riflessione rivolta ad una spirale di diffidenza non dichiarata della società stessa verso la potenza "rivoluzionaria" dell'amore...Nell'intima "solitudine" del loro abbraccio gli amanti trovano così la loro splendida luca

    RispondiElimina
  40. Tu sei un Poeta moderno , completo, con un suo Stile .
    Io apprezzo l'originalità , ma non capisco tutto quello
    che vuoi dire ! Mi piace, sento che e' Poesia Vera, straordinaria, ma faccio fatica ad entrare nel Tuo Universo.
    Grazie comunque !
    Michelangelo

    RispondiElimina
  41. questa è una delle più belle poesie mai lette qui, grazie danilo, cosa commentare? si commenta da sola!
    Tatyana

    RispondiElimina
  42. Bellissima lirica che, nonostante l'ermetismo e l'essenzialità,si addensa e si impregna di figure retoriche vive,così da far sgorgare dal cuore del lettore,suggestioni profonde,intense e spontanee.
    Grazie Danilo e Complimenti!!!!
    Maria Cattaneo

    RispondiElimina
  43. Ermetica si, con interpretazioni diverse. Un'altro titolo inglese, la canzone del cigno, tema preferito e classico (Cechov) e musica moderna (Zeppelin). Un amore contrastato (?) - forse lei e' di origine russa...."Nel centro del tuo nome t'aspetto....." - Di mio alto gradimento perche' e' bella e anche...liquida.
    Frine di Prassitele

    RispondiElimina
  44. perchè dici russa, cara frine?
    amo i titoli inglesi, ma non per gusto ermetico, quanto per il suono, nello specifico..e canto del cigno mi sa di dolce e disperato..
    Danilo

    RispondiElimina
  45. Ermetica...? Per niente! E' cos... Mostra tuttoì palese. L' amore contrastato, il magico legame tra due persone. Si incontrano, si desiderano, si amano e poi.... Il tema millenario dell' amore 'impossibile', sempre presente nella letteratura umana: ha ispirato anche te, ragazzo triste, come poteva essere altrimenti. E' la condizione umana stessa che entra in conflitto, alle volte, con l' incontro e la sintonia. 'Lebedinoye Ozero', ecco cosa mi viene in mente leggendola, e non per il riferimento al canto del cigno.....Un abbraccio
    Carmelo Lorito

    RispondiElimina
  46. per ogni passione i poeti andrebbero alla deriva...
    fino a sentire l'anima vibrare come liuti al vento.
    Per questo non rinunciano alla saggezza!
    Molte vite somigliano ad un palinsesto organizzato, con rime e note scribacchiate pigramente in vacanza Eroma

    RispondiElimina
  47. Poesia ad accentuata fantasia ermetica che rende difficile una ricostruzione precisa dei fatti ma non ne turba la grandezza estetica.
    Gilberto Fanfani

    RispondiElimina
  48. Danilo, il titolo inglese non e' la ragione dell'ermetismo. L'ho riletta e contrariamente a quello che scrive Carmelo, credo tu ti riferisca alla morte. Il canto del cigno e' angosciato, d'accordo, ma lui canta solamente una volta e cioe' prima di morire. Ti amo adesso, ora, M-or-te, centro del tuo nome. Forse mi sbaglio ma amo molto il challenge dell'interpretazione. Ripeto, mi piace "da morire".
    Frine di Prassitele

    RispondiElimina
  49. A me sembra che a questo punto si siano afacciati due dubbi: se la poesia d'amore ricchia di divenire melensa e se ,invece, l'amore è una forza eversiva nei confronti del potere. C'è anche da aggiungere l'interpretazione di Frine che vede nella nome Moorte il centro della poesia. Qundi mi sembrerebbe interessante sentire qualche opinione in merito

    RispondiElimina
  50. Ermetica...? Per niente! E' cos... Mostra tuttoì palese. L' amore contrastato, il magico legame tra due persone. Si incontrano, si desiderano, si amano e poi.... Il tema millenario dell' amore 'impossibile', sempre presente nella letteratura umana: ha ispirato anche te, ragazzo triste, come poteva essere altrimenti. E' la condizione umana stessa che entra in conflitto, alle volte, con l' incontro e la sintonia. 'Lebedinoye Ozero', ecco cosa mi viene in mente leggendola, e non per il riferimento al canto del cigno.....Un abbraccio Carmelo <Lorito

    RispondiElimina
  51. La notte che allunga la sua pesante rete mentre l'amante aspetta come una goccia di luce che palpita.
    Perchè l'amore è questo: una luce che palpita anche in una vita gelida e buia dove sembra non esserci spazio per emozioni e sentimenti puri.
    Daniela Boarino

    RispondiElimina
  52. Sicuramente è una Poesia con la P maiuscola e non un tentativo di poesia, come ce ne sono molte in giro, allora godiamocela con le sue immagini, con le sue parole e i suoi accostamenti simbolici, con la dolcezza di ciò che dice, senza scandagliarne a tutti i costi il significato.
    Sicuramente parla d'amore, dato, ricevuto, negato, ostacolato, ma l'amore è la forza che muove il mondo e come tale è potente.
    Salvina

    RispondiElimina
  53. che bello il pensiero di daniela..grazie per il tuo contributi..quanto è vero ciò che dici...

    intervengo dopo gloria; anche io avevo notato queste tre possibilità,questi tre rischi,per la poesia d'amore;amore melenso,amore eversivo,amore-morte.

    a mio avviso, l'amore è interpretabile o meglio, l'amore si può "sentire" a seconda delle sue mille sfaccettature, secondo la sensibilità di chi legge..ognuno ci trova ciò che per esso l'amore significa soprattutto...

    che ne dite?

    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  54. Caro Danilo premesso che è sempre un piacere per me leggerti,volevo sottolineare la tua enorme crescita stilistica degli ultimi tempi.Sei molto maturato e la tua poetica sta assumendo toni di altissima lirica,per quanto ovviamente valga il mio parere.Il tuo sentire è così definito e denso,lo sento sulla pelle l'amore di cui parli.Le immagini forti scolpite con cui descrivi questo sentimento arrivano con proprietà ed eleganza.C'è silenzio,l'evolversi del tempo,la tenerezza,la distanza e la chiusa riassume il centro del sentimento e desiderio..come una goccia di luce che palpita...Onoratissima di essere tua amica.:))

    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  55. ... molte emozioni e molto sentimento, quasi a sprofondare nella mancanza di forza di fronte a tanto amore... molto bella, grazie Danilo e grazie Gloria.
    Pino Soprano

    RispondiElimina
  56. Daniela Fenoaltea24 gennaio 2010 00:31

    Io debbo dire che la libertà di amare è così rara, più delle volte, agli uomini che essi preferiscono affrontare pericoli, disagi...Ciao Danilo. Bellissima Poesia!!

    RispondiElimina
  57. Tanti i pensieri, le riflessioni che hanno preso forma e che si sono derivati dal finto astrattismo dei versi della poesia che pur si identifica nel pregevole poemare di Danilo. una gerla di emozioni e sensazioni, di chiarimenti e di dubbi che licenziano l'arte di amare.

    Anita Laporta.

    RispondiElimina
  58. Questa poesia è meravigliosa, un elogio all'amore. Ti amo allora, adesso, nel centro del tuo nome ti aspetto come una goccia di luce che palpita. Complimenti

    RispondiElimina
  59. Poesia discussa, ma la vitalità del blog è questa. Bella scorre con una passione sofferta. L'amore non è un raggio di sole che si spande intorno, solo un fremito che si vive da soli "egoisticamente" e amore c'è, atteso, vissuto. Splendido finale.
    Antonio lanza

    RispondiElimina
  60. Vera,originale,ermetica,a volte quasi incomprensibile,a volte,invece,aperta e distesa
    nell'antico e sempre presente tema dell'amore.
    grande estetismo e magici accostamenti simbolici,in cui la sensibilità di chi si appresta a leggerla si acquieta nell'evolversi del tempo e dei desiferi.

    RispondiElimina
  61. Ricca di immagini efficaci, raffinatamente limpide, armoniosamente "oscure". Poesia moderna, nel senso più vero del termine, fresca, schietta, giovanile e matura ad un tempo. Complimenti!
    Franco Lamarina

    RispondiElimina
  62. grazie franco..mi piace il tuo trovarmi giovanile e maturo...ti ringrazio:)

    Danilo

    RispondiElimina
  63. da molto tempo gli esseri umani hanno preferito la prosa alla poesia ma questo tratteggiare emozioni di immagini e colori proprio della poesia a volte non ha eguali come in questo caso. Grazie

    RispondiElimina
  64. E ora cominciamo a porci una domanda sull'amore,che anima l'universo,comeforza vitale,contrapposta a thanatos, amore cantato gai geci, dai romani, dai provenzali da DAnte fino ai notri giorni. Il richio di essere enfatici e retorici e melensi non c'è anche con altri temi? Come si vive ogni vlta che ci si immamora? Non ci si sente rinnovati e pronti ad accettare meglio il nostro percoprso esistenziale?

    RispondiElimina
  65. Svegliati e sollecitati da forze naturali, ecco come ci tendiamo in scambi, che sollevano il momento, al di sopra della consueta routine.
    Ogni forma di amore lo può.
    Liliana Valentini

    RispondiElimina
  66. Elisa Cordovani Grazie Danilo, le tue parole suscitano sempre profonde riflessioni e la tranquillita' che provo quando leggo qualcosa di bello e struggente,grazie con grande stima ♥

    RispondiElimina
  67. Lu Agnello La descrizione poetica della "fusione" dei due amanti, scissa, quasi emarginata dal mondo, mi fa pensare ad una tua riflessione rivolta ad una spirale di diffidenza non dichiarata della società stessa verso la potenza "rivoluzionaria" dell'amore...Nell'intima "solitudine" del loro abbraccio gli amanti trovano così la loro splendida luce.

    RispondiElimina
  68. Alessandro Fimiani "...Ti amo allora, adesso.
    E qui, nella mia casa,
    ...nel centro del tuo nome t'aspetto
    come una goccia di luce che palpita."
    Integra e musicale nudità di poeta verso il centro d Uno.... Mostra tutto
    Coraggio e levità,
    abbracci di piume,
    l Amore!

    RispondiElimina
  69. stupenda... forte ,passione dolorosa intensa carica di sentimento e di stordimento in un sentire che è di rosso così cupo da sembrare nero... in quella GOCCIA che di Luce palpita... GRAZIE :)
    Carmen

    RispondiElimina
  70. ...non solo poesia d'amore!
    Questo canto del cigno…l’ultimo canto del cigno?, offeso, ferito a morte, abbandonato, dimenticato, in attesa, in quella casa ai confini del mondo, ultimo rifugio, unico luogo in cui … “ti amo allora, adesso”?
    Bello confondersi in queste luci e ombre, versi che vanno al di là della storia d’amore, per diventare – anche – racconto storico e reale, racconto surrreale, racconto onirico, racconto del desiderio, della memoria, del ritorno.
    Difficile capire tutti i significati espressi e nascosti in questi versi di ulteriore azione di scavo nel profondo delle emozioni, dei sentimenti…fino ad arrivare al “centro del tuo nome”.
    Il nome.
    Il nome di dio? Il paraclito? Il nascosto? L’assente? L’indifferente?
    O il tuo nome – amore? – nome che dovunque pare che abiti e del quale tuttavia siamo sempre in attesa, nell’ultimo angolo buio, nel profondo e nella rigidità del ghiaccio, capace però di conservare una goccia di luce salvifica.

    RispondiElimina
  71. ...."salvati dal lamento dei vertici
    della città assediata"....... Grazie per avermi pensato e continua a "nutrirci" con le tue poesie. Un abbraccio
    Pasquale

    RispondiElimina
  72. Pierluigi Scarpa
    ...ho letto. Trovo "Swan Song" molto bella. Ci sono, a parer mio, in buona dose ispirazione, forma, segreto e visione. Ingredienti necessari alla Poesia affinchè sia tale.

    RispondiElimina
  73. Alba Schembri
    Grazie Danilo l' ho letta meravigliosa, l'amore, la poesia scioglie qualsiasi lastra di ghiaccio amico mio e tu ci riesci egregiamente adoro la tua poesia buona domenica di cuore ♥

    RispondiElimina
  74. Daniela Bigottà
    Danilo... sono tante le cose che vorrei dire ma le riassumo in una esclamazione banale: "Caspita!"

    RispondiElimina
  75. manlio e gloria, avete proposto spunti interessanti...ci devo riflettere, più tardi pubblicherò una replica :)

    Danilo Carli Stranich

    RispondiElimina
  76. Puoi essere anche stimolato a pubblicarne una nuova,che pubblichiamo hic et nunc

    RispondiElimina
  77. cos' subito no,ma di certo pubblicherò la risposta alle in interessantissime considerazioni tue e di manlio :)

    D.

    RispondiElimina
  78. ....bellisimo l'amore ke lega due persone.. ci si sente al settimo cielo!. Complimenti...un abbraccio. Carmen Pettinaro

    RispondiElimina
  79. Cara Gloria, come persona e come poeta credo fortemente nelle capacità dell'amore..quando si prova un vero sentimento..ci si solleva rispetto alle umane e contingenti afflizioni, spariscono i problemi o, quantomeno, si condividono..ed il fatto che l'amore è stato, è e sarà per secoli a venire il motore immobile della Poesia, dello scrivere, sta a significare come il poeta o lo scrittore, per il solo fatto di sentire, se sincero non potrà essere tacciato di alcunchè...egli ama, dunque scrive.Ecco tutto.

    Danilo.

    RispondiElimina
  80. L'amore ci mette in contatto, dice Goethe ,con il nostro tu-destino. Sentiamo il fascino di questa destinazione e ci abbandoniamo. Tutto sembra riprendere, rinascerere, poesia, vitalità, speranza desiderio, creatività Quando eros invade la notra vita, è bellissimo...!

    RispondiElimina
  81. L'amore è ciò che ci rende singolari,inconfondibili, secondo Goethe. Non rinnega l'eros, ma lo fa ruotare intorno a un tu, quel tu che ognuno almeno una volta nella vita avverte come il tu destino, avverte il fascino della propria destinazione. E da qui inizia tutto...La poesia, la rinascita,la nostra vitalità, ci innalza come dice Dan

    RispondiElimina
  82. ...stupenda poesia scritta da una penna raffinata...grazie!

    Claudio Tedeschi.

    RispondiElimina
  83. finalmente......un pò di poesia.....

    RispondiElimina
  84. L'amore è una consegna ed una attesa; e splende in quell' indugio spericolato che precede il volo. Nel brivido cieco si invera in una forma cui si affida il desiderio di un possesso; il possesso di ciò che si è creato.
    Sono tratti di estatico sgomento che propiziano la penna del poeta.
    E poesia d'amore è anche questa, ed allora vediamone le trame (brevemente).
    Sembra una sfida alle ordinarie sequenze fenomeniche: sensazioni forti addossate ad un viluppo di immagini (schizzate) di un'anima assediata ed assetata. Il tutto è retto appunto dall'amore. Un amore vissuto (sembra) come una rivendicazione, più che come angoscia e frustrazione-
    E questo si riversa nel fraseggio volutamente instabile, a guisa di rapide pennellate come riscotro di un tumulto interiore, che non si può in altra maniera definire.
    Il tutto (inteso come intimo sentire) non si concede alla parola..e qui l'Autore sembra voglia rappresentare ciò che vi sta dietro. Titanica impresa forse; ma impresa dignitosa che merita rispetto ed attenzione, e che va sempre più incoraggiata.
    I miei complimenti a Danilo

    RispondiElimina
  85. è una delle più belle poesie lette qui, nuova anche per lo stile di Danilo che di solito è più ermetico..qui mi piaci assolutamente, perchè amo le poesie che legano immagini del paesaggio, sensazioni ..e intimamente riconducono all'amore.E' bellissima, la condivido con piacere in fb. ciao a tutti
    Tatiana Andena

    RispondiElimina
  86. Vi ringrazio tutti amici delle vostre belle analisi e mi par di riconoscere nel penultimo intervento anonimo il genere di analisi accurate che fa Leopoldo. Non può essere che lui , che ha l'abilità di farci riflettere anche sui moti interiori di Danilo.

    RispondiElimina
  87. Maria Isabella D'Autilia26 gennaio 2010 11:15

    L'amore come ultima spiaggia in un mondo che affonda nell'orrore e nel cinismo...Un amore salvifico, assediato all'esterno...quasi il canto del cigno di un'umanità che sempre più è inghiottit in tenebre di incubo...
    La suggestione dei versi è fortissima..quel coniugare una soggettività forte, intensa, con un'oggettività fatta di richiami a colori, suoni, o assenze di suono, elementi naturali stravolti...i passeri che affondano di sera...è talmente riuscito a dare alla poesia diversi piani di lettura, in base all'angolatura, da rendere prismatica tutta la poesia.
    Qui sensazioni fortissime diventano palpabili, visive...e questa è una prerogativa di Danilo, del suo poetare, ma qui assume contorni di compiutezza, di maturazione che aumenta il fascino, l'armonia dei versi che non ne diluscono la pienezza, la complessità.
    Bella Danilo...lo sai che mi piace sempre leggerti...ma questo tuo SWAN SONG davvero mi risuona nelle vene...

    RispondiElimina