domenica 28 febbraio 2010

EMOZIONI di Wanda Allevi

(Salvador Dalì, Metamorphosis of Narcissus)




Emozioni…
fiori schiusi, boccioli segreti…
che germogliano nel cuore
lasciando gioia e tristezza.
Impalpabili bellezze naturali…
che colmano il vuoto materiale
di giorni grigi e spenti,
rendendo meno sterile e sola
l’arida terra umana.
Fedeli compagnie…
di eterne solitudini interiori,
che lasciano un’impronta,
invisibile, incancellabile…
nella vita, che scorre e vola via. 



67 commenti:

  1. Wanda Allievi7 marzo 2010 03:40

    Grazie Gloria....questa è una delle mie canzoni preferite...e di emozioni me ne dà tante...inafferrabili, impalpabili...ma che restano impresse nel profondo...

    RispondiElimina
  2. molto bella e intensa, come nel tuo stile cara Wanda. Le emozioni sono la nostra ancora, il nostro rifugio, la nostra destinazione.Tutto si evolve fuori e dentro di noi, tradotto dall'apparire e dal vivere della nostra sensibilità traboccante.
    Grazie, un abbraccio!
    Tatiana Andena

    RispondiElimina
  3. Nella vita che scorre e vola via, soltanto il meraviglioso spettacolo della natura e le emozioni che proviamo, possono sottrarci al vuoto materiale e alla solitudine di giorni grigi e spenti, grazie Wanda.
    Emanuele

    RispondiElimina
  4. Emozioni...la parola stessa con la e iniziale implica il porsi al di fuori di ciò che si muove, e nella tua poesia, le parole servono a darci sensazioni valide a colmare il vuoto di "giorni grigi",o inutili...l'animo colmo di emozioni riesce a sentire i boccioli che si schiudono,i teneri sentimenti che ,posandosi nel nostro cuore alleviano il cammino non floreale che, a volte è la vita.Molto profonda ,e musicale come di consueto.

    RispondiElimina
  5. Compito della poesia è emozionare, tirare fuori, portare allo scoperto l'anima.
    Emanuele

    RispondiElimina
  6. Antonello Bruno7 marzo 2010 06:07

    Bellissima lirica grondante della pacatezza di un sentimento tendente a sciogliersi nel verso della natura per la natura. E' come lasciarsi trascinare dal fiume dell'esistenza facendo attenzione ad ogni rapida , ad ogni sussulto che possa produrre nell'animo l'accrescimento che conduce all'altissimo: l'emozione.Grazie.

    RispondiElimina
  7. Emozioni che lasciano un'impronta indelebile, che accanto alla realtà - forse ancor più della realtà - ci forgiano, ci trasformano, illuminano e ingentiliscono con boccioli di fiori il grigiume materiale. Come fanno le poesie, come fa la tua bellissima composizione, cara Wanda.
    Francesca Varagona

    RispondiElimina
  8. Emozioni.. Sensazioni che potrebbero rischiarare la vita , dense vibrazioni di un senso vitale....ciò che colora il grigiore dell'indifferenza e dell'insensibiltà del quotidiano...
    Bella poesia...complimenti
    Michele Marseglia

    RispondiElimina
  9. Gabriele Prignano7 marzo 2010 06:54

    L'eterno rapporto (spesso conflittuale) tra interiorità e realtà. Ma qui, in questa bella, rasserenante poesia, c'è il distacco dalla realtà. C'è la Solitudine, sconfitta dalle emozioni, che sono pur sempre eredità preziosa di una realtà (momentaneamente) lontana, ostile.
    Complimenti, Wanda. Quella Solitudine, purtroppo, può essere dimenticata, camuffata, ignorata...ma ci accompagnerà fino alla fine.

    RispondiElimina
  10. Le emozioni sono il sale della vita senza di loro non so' che sapore potrebbe avere questo nostro vivere...bella...complimenti....

    RispondiElimina
  11. Wanda Allievi7 marzo 2010 07:13

    Grazie Tatiana, si le emozioni sono la nostra ancora di salvataggio, il dolce rifugio dove ritrovare sentimenti, lontano dalla folla rumorosa e parlante, ma che in realtà non dice nulla...

    RispondiElimina
  12. Wanda Allievi7 marzo 2010 07:15

    Si Emanuele, hai proprio colto il sentimento profondo di questa breve poesie, breve ma molto sentita...grazie

    RispondiElimina
  13. Vita, che come il rapido volo di una libellula disegna nell'aria traiettorie invisibili che il cuore chiama emozioni....
    Complimenti.

    Davide Cautiero

    RispondiElimina
  14. S'invola l'emozione a nuovo spazio, ben oltre quel che ci consente la misura. Si può declinare a nota d'infinito che scuote la pigrizia stremata di ragione..e proprio allora otterremo la nostra distinzione, l'irripetibile essenza del nostro ESSERCI.
    In tal senso, cara Wanda, quei tuoi "fiori appena schiusi", sarranno la più vivida testimonianza della tua presenza.
    Leopoldo Costabile

    RispondiElimina
  15. silvia calzolari7 marzo 2010 07:34

    Emozioni...gioia/tristezza...impalpabili bellezze naturali… Fedeli compagnie…
    di eterne solitudini interiori... Versi di verità autentica....la ricchezza delle emozioni che riempiono i vuoti che sanno dare senso in positivo o in negativo alla nostra vita! Il tuo verseggiare Wanda, chiaro pulito e rivelatore d'animo, si recepisce in tutta la sua pienezza. Si legge la tua grande capacità in poesia di superare ogni muroapatico in ricerca di fiori vivi che profumano di sensazioni per essere sè... per affermare ed ascoltare la propria interiorità. Grazie Wanda!

    RispondiElimina
  16. Poesia che meglio non poteva spiegare le emozioni che provengono da mille ragioni ma dove prevale indissolubilmente l'amore. I palpiti, i sussultisi trasformano in emozione tutto cio' che si riferisce a questo sentimento pertanto Wanda Allievi, mia amica ma soprattutto ottima scrittrice ce ne da' un saggio chiaro ed inequivocabile in questa lirica. Brava Wanda Bruno

    RispondiElimina
  17. Grazie Leopoldo del bel commento. Grazie Davide, che risento con grande piacere e gioia. Accogliamo bene Wanda, che è nuova del blog e ci dona dei bei versi fluidi,impalpabili e delicati. una lirica che dà emozioni e desidera darne. Grazie Wanda

    RispondiElimina
  18. Come carezze che lasciano brividi, emozioni scorrono con le sue impronte impalpabili, a farci compagnia, e a riempiere i nostri vuoti.
    Complimenti Wanda, grazie.
    Pietro Vizzini

    RispondiElimina
  19. Le emozioni che questa poesia dona sono forti, le avvertiamo già leggendo i primi versi,una magica composizione dal ritmo 'andante', che ci conduce verso orizzonti e mete lontane. Un po' di malinconia per il tempo che passa, ma molta molta speranza.

    RispondiElimina
  20. La fantasia di quest'autrice è vasta, e in questa poesia c'è anche la capacità di mettere insieme spazio tempo immagini desideri sogni...
    Paolo

    RispondiElimina
  21. Bella dolce e serena. ricca di emozioni colorate. grazie
    Piero

    RispondiElimina
  22. la poesia dev’essere un fresco fiume che dalla montagna corre fin giù a donare humus alla vita
    E la tua lirica dà questa sensazione Wanda
    Stefano Di Maio

    RispondiElimina
  23. Wanda Allievi7 marzo 2010 09:54

    "...i teneri sentimenti che ,posandosi nel nostro cuore alleviano il cammino non floreale che, a volte è la vita." Grazie Rosa, come sono vere queste parole...

    RispondiElimina
  24. Wanda Allievi7 marzo 2010 09:58

    "E' come lasciarsi trascinare dal fiume dell'esistenza facendo attenzione ad ogni rapida , ad ogni sussulto che possa produrre nell'animo l'accrescimento che conduce all'altissimo: l'emozione..."
    Grazie ad Antonello Bruno per questo bellissimo commento

    RispondiElimina
  25. Wanda Allievi7 marzo 2010 10:14

    "Emozioni che lasciano un'impronta indelebile, che accanto alla realtà - forse ancor più della realtà - ci forgiano, ci trasformano, illuminano e ingentiliscono con boccioli di fiori il grigiume materiale." Si è proprio così, nel bene e nel male, ci fanno sentire vivi..Grazie a Francesca Varagona

    RispondiElimina
  26. Wanda Allievi7 marzo 2010 10:26

    Grazie a Michele Marseglia e a Gabriele Prignano...si ognuno è solo con le proprie emozioni, e queste sono la nostra compagnia costante, nella sofferenza e nella felicità

    RispondiElimina
  27. Wanda Allievi7 marzo 2010 10:29

    "Vita, che come il rapido volo di una libellula disegna nell'aria traiettorie invisibili che il cuore chiama emozioni...." Bellissima espressione per dipingere le emozioni...Grazie a Davide Cautiero

    RispondiElimina
  28. Wanda Allievi7 marzo 2010 10:34

    Grazie a Leopoldo Costabile e Silvia Calzolari per aver commentato con bellissime parole questa mia breve poesia

    RispondiElimina
  29. Wanda Allievi7 marzo 2010 10:38

    Grazie Bruno, si i palpiti, i sussulti sono legati indissolubilmente all'amore...Grazie di cuore per il tuo commento a queste mie parole

    RispondiElimina
  30. Wanda Allievi7 marzo 2010 10:40

    Grazie a te Gloria per avermi dato la possibilità di scrivere in questo spazio

    RispondiElimina
  31. Una dolce carezza...emozionante come un lieve bacio...grazie per la tenrezza che leggo nei tuoi versi

    RispondiElimina
  32. UN RAMO DI MIMOSA

    Un ramo di mimosa...
    mi risveglia dal lungo letargo, dal grigio torpore dell'inverno,
    i suoi grappoli d'oro, vibranti nel cielo azzurro...
    m'infondono frizzante gioia, silenziosa e inafferrabile.

    Un ramo di mimosa per te...
    raccolta negl'intricati meandri del mio cuore,
    il suo profumo, unico nella sua fragranza penetrante...
    che si effonde nell'aria, nei miei sensi, ancora gelidi e svogliati.

    Un ramo di mimosa...
    brioso luccichio di stelle, nella notte nera e fredda,
    delicata e fragile, sotto l'impeto del vento e della pioggia...
    ma resistente e forte nel suo intimo, nel suo animo profondo.

    Un ramo di mimosa dal mio cuore...
    per non dimenticare, nel silenzio dell'oblio...
    il triste epilogo di un passato, lontano e ignoto,
    per tutte le donne, per te mia dolce Amica.

    Un'altra bella poesia di Wanda per ricordare l'8 marzo, con suo commento

    RispondiElimina
  33. L'origine della festa dell'8 Marzo risale al 1908, quando un gruppo di operaie di una industria tessile di New York, scioperò perché le condizioni della loro vita lavorativa erano pessime. Lo sciopero proseguì per vari giorni, ma fu proprio l'8 Marzo che l'azienda bloccò le uscite della fabbrica, impedendo alle operaie di uscire. Un incendio ferì mortalmente 129 operaie, tra di loro vi erano molte immigrate, tra cui anche delle donne italiane. L'8 Marzo assunse col tempo un'importanza mondiale, diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli.
    L'8 Marzo è quindi il ricordo di quella triste giornata.
    Non è una "festa" ma piuttosto una ricorrenza da riproporre ogni anno come segno indelebile di quanto accaduto il secolo scorso. Si cercava un fiore che potesse contraddistinguere e simboleggiare questa giornata, e come sappiamo proprio in questo periodo la pianta della mimosa fiorisce ed inoltre aveva il pregio di non costare neanche troppo, ho detto aveva perché ora purtroppo la vendita della mimosa nella giornata dell'8 Marzo, è diventata un business commerciale, ed anche questa giornata è diventata una ricorrenza come tante altre, una "festa" futile ed insignificante.

    Ma il fascino di un ramo di mimosa per me è rimasto come tanti anni fa, un fiore che mi piace molto, nella sua forma e nel suo colore raggiante, ma anche nel suo intenso "odore" particolare.
    Regalo questa poesia e questo ramo di mimosa virtuale, simbolo di lotta e femminilità, alla mia migliore amica e a tutte le donne.

    Un bacio, un forte abbraccio... e un urlo sofferto dal profondo del cuore, per dire basta alla violenza sulle donne!!!

    Wanda

    RispondiElimina
  34. L'origine della festa dell'8 Marzo risale al 1908, quando un gruppo di operaie di una industria tessile di New York, scioperò perché le condizioni della loro vita lavorativa erano pessime. Lo sciopero proseguì per vari giorni, ma fu proprio l'8 Marzo che l'azienda bloccò le uscite della fabbrica, impedendo alle operaie di uscire. Un incendio ferì mortalmente 129 operaie, tra di loro vi erano molte immigrate, tra cui anche delle donne italiane. L'8 Marzo assunse col tempo un'importanza mondiale, diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli.
    L'8 Marzo è quindi il ricordo di quella triste giornata.
    Non è una "festa" ma piuttosto una ricorrenza da riproporre ogni anno come segno indelebile di quanto accaduto il secolo scorso. Si cercava un fiore che potesse contraddistinguere e simboleggiare questa giornata, e come sappiamo proprio in questo periodo la pianta della mimosa fiorisce ed inoltre aveva il pregio di non costare neanche troppo, ho detto aveva perché ora purtroppo la vendita della mimosa nella giornata dell'8 Marzo, è diventata un business commerciale, ed anche questa giornata è diventata una ricorrenza come tante altre, una "festa" futile ed insignificante.

    Ma il fascino di un ramo di mimosa per me è rimasto come tanti anni fa, un fiore che mi piace molto, nella sua forma e nel suo colore raggiante, ma anche nel suo intenso "odore" particolare.
    Regalo questa poesia e questo ramo di mimosa virtuale, simbolo di lotta e femminilità, alla mia migliore amica e a tutte le donne.

    Un bacio, un forte abbraccio... e un urlo sofferto dal profondo del cuore, per dire basta alla violenza sulle donne!!!

    Wanda

    RispondiElimina
  35. Per ricordare tutte le donne e quello che hanno sopportato e sopportano ancora

    RispondiElimina
  36. molto delicata , al contempo intensa e significativa , con quell'evocar sensazioni che rendono viva la vita!
    Grazie , piaciuta!
    Maria Chiara Crivellari

    RispondiElimina
  37. L'inizio di questa s'plendidea e delicata poesia suona come le note di un a overture, tenera, l'accostamento con il fiore da cui promana il profumo della vita. Non c'è emozione più intensa di quella che ci viene dal rapporto con la natura. La poesia scorre come acqua pura di sorgente con i suoi inlfussi benefici che ci prendono , che ci conducono in quel mondo beato che sono le emozioni. Felice l'accostamento con la pittura e la meraviglios canzone. Complimenti Wanda. Una nota per Gloria per il ricordo della donna,
    cui va la mia profonda ammirazione e considerazione. L'essere perfetto per eccellenza cui il mondo deve tutta la grande umanità.
    Antonio Lanza

    RispondiElimina
  38. ... un'impronta invisibile ed incacellabile... molto bella questa frase come tutta la poesia. Condivido tutta la stesura di "emozioni" tanto anelate e tanto combattute... Grazie Wanda...
    Pino Soprano

    RispondiElimina
  39. Emozioni intese come compensazione per una vita in cui niente di diverso dalla solita monotonia quotidiana accade, se non ci fosse un trepido rapporto con la natura che in parte sana il vuoto che ci circonda o,forse,circonda l'autrice afflitta da una esistenza grigia e spenta. Considerazioni che trovano conforto emotivo per le interiori solitudini soltanto nei palpiti che ci sono compagni virtuali in un vivere ormai rassegnato e dolente. Ren

    RispondiElimina
  40. ..tanta tenerezza ed emozione nella tua lirica...gioia e tristezza a farci compagnia nei giorni vuoti...di solitudine..gRazie Wanda ..molto dolce...un augurio a tutte le donne ....CArmen Pettinaro

    RispondiElimina
  41. michela tarquini8 marzo 2010 01:27

    Hai lasciato parlare il cuore, che con una tensione espressiva, ma limpida semplicità, avvolge tutto il nostro sentire.
    Le emozioni, Wanda, sono ...profumi ...che rimangono nell'anima!

    RispondiElimina
  42. Gabriele Prignano8 marzo 2010 07:07

    Un certo candore, tanto amore e solidarietà, ricordi mai smarriti, che hanno il suono e la forza di una rivendicazione. Mi piace. Grazie.

    RispondiElimina
  43. Grazie Wanda, la sensibilità del tuo animo si denota in ogni tua lirica,in questa dedicata alla mimosa come simbolo femmineo, , vi è il canto solare del colore del fiore, ma nello stesso tempo, il gelo dell'animo proprio che è quello di tutte le donne, sofferenti per violenza ...sei unica!
    Rosa Cassese

    RispondiElimina
  44. Emozionanti le parole....
    La mimosa, nel suo colore racchiude i riflessi del sole che da sempre dona vita e calore...proprio come la donna.
    Grazie Wanda per aver ricordato che le donne sono simbolo d'amore non di ...aberranti violenze.
    Michela Tarquini

    RispondiElimina
  45. Grazie Wanda,l'8 Marzo non è la festa della donna,è il doloroso ricordo delle donne che un giorno decisero di cambiare e a loro si rispose con un crimine.Vorrei il coro di quelle donne,e poterle ringraziare una per una. A loro dedico il mio abbraccio.
    Un caro saluto a te e alla tua sensibilità.
    Marzia Carocci

    RispondiElimina
  46. DONNA

    Nel tuo esserci l'incanto dell'essere,

    La vita, tua storia,... Mostra tutto

    segnata dal desiderio d'essere

    semplicemente donna!

    Nel tuo corpo ti porti,

    come nessun altro,

    il segreto della vita!

    Nella tua storia

    la macchia dell'indifferenza,

    della discriminazione, dell'oppressione…

    in te l'amore più bello,

    la bellezza più trasparente,

    l'affetto più puro

    che mi fa uomo!

    Eliomar Ribeiro de Souza

    Per te, e tutte le donne.....poesia ke amo infinitamente
    Margot Simpson

    RispondiElimina
  47. concordo con te, cara Wanda, circa l'8 marzo. Anch'io non la definisco mai "festa" bens... Mostra tuttoì "giornata della donna" perchè le sue origini non hanno, davvero, niente di festoso anzi ci ricordano un fatto dolorosissimo.
    Grazie per la tua bella poesia.
    Anch'io sto preparando la mostra per l'8 marzo tutta dedicata a grandi donne del passato che hanno dovuto lottare per emergere e donne contemporanee che stanno lottando per la libertà dei loro paesi.
    Ritengo che l'arte debba servire anche a trasmettere dei messaggi di pace e di fratellanza.
    Mara Faggioli

    RispondiElimina
  48. Wanda cara grazie
    menomale la si ricorda questa festa per ci... Mostra tuttoò che è nata e che ora più che mai dovrebbe significare!
    Per il sacrificio di donne e non per gli spogliarelli ridicoli di femmine in calore che non vedono l'ora del giorno per scappare da casa e vedere le chiappe di un giovanotto palestrato..
    Con tanto di rispetto per le femmine, ma almeno cambino giorno... e nome e non usino questa scusa per ballare e divertirsi perchè quelle grandi donne non sono morte danzando il cha cha o il tango!
    rigrazie cara...
    Andrea Martinez

    RispondiElimina
  49. Grazie di cuore, Wanda, non potevi farmi regalo più bello... sono stata femminista militante, una volta... e conosco tutta l'efferata storia accaduta alle operaie di New York, dalla cui tragedia scaturìirono una rivolta necessaria e gli albori di una Nuova Epoca per le donne.... splendida poesia, versi delicati come una mimosa apparentemente fragile, ma pregnanti e fecondi.... ♥ , grazie per il tag.
    Gioia Zalonis

    RispondiElimina
  50. ''GRAZIE'' introspettiva ed è molto intimo il senso di pudore che regala tenerezze ad una primavera ormai prossima, che rischiude il senso, l'amoe sui grappoli d'oro della femminilita....bella, mi è piaciuta grazie ancora.♥ kiss♥
    Simona Di Dio

    RispondiElimina
  51. Delicato canto dedicato al mondo delle donne. Mostra l'animo e la bellezza di chi l'ha scritta con passione, consapevolezza e una maturità pacata ed elegante ma determinante dell'essere donna a tutti gli effetti e con i criteri al punto giusto.. .Grazie Wanda
    Rosalba Di Vona

    RispondiElimina
  52. La mimosa e' un fiore solo apparentemente delicato:invade gioiosamente la nostra vita i quando ancora non e' giunta la primavera ed il sole comincia appena a strizzare l'occhio...ma resiste ai bizzosi mutamenti del tempo. Cosi' sono le donne: sensibili, tenere, pronte a dare tutto di se stesse se ne hanno l'occasione; ma anche pronte a resistere , ... Mostra tuttoreinventarsi a volte rinascere quanto incontrano delusioni e ostacoli.
    Una poesia intrisa di tenerezza, colorata, quasi profumata...
    Complimenti, un bellissimo omaggio alla donna!
    Grazia Soro

    RispondiElimina
  53. grazie, delicatissima. trasporta nelle sue parole il presente e il passato, è davvero godibile ma nello stesso tempo fonte di profonda riflessione.
    una preghiera. non facciamone anche quest'anno uan becera mercificazione
    Maria Teresa Cerrato

    RispondiElimina
  54. Ecco la festa della donna meravigliosa creatura. La mimosa è la prima voce di primavera e all'imbrunire quando si addormenta in braccio alla sera ti fa respirare aria bellissima che mette amore e gioia in cuore. Brava Wanda...Bruno
    Bruno Zapparrata

    RispondiElimina
  55. Wanda Allievi8 marzo 2010 11:10

    Grazie a tutti quanti...leggo parole stupende, commenti che sono poesia, dentro questa mia breve, ma molto sentita piccola poesia di forti emozioni.
    GRAZIE A TUTTI QUANTI, E UN GRAZIE PARTICOLARE A GLORIA

    RispondiElimina
  56. Grazie per averci ricordato le origini del giorno dedicato alla donna, che sempre più deve assumere l'originario significato di ricorrenza, commemorazione, ricordo. grazie ancora per le tue belle liriche
    Francesca Varagona

    RispondiElimina
  57. Un ramo di mimosa esprime tutta la femmilità di Wanda Allievi ottima amica mia e apprezzata e valente poetessa. Gia' conoscevo questa poesia per aver avuto il piacere di leggere le due sue sillogi, Lilith e Petali di Rose e di aver fatto una recensione a Petali di Rose e dunque conosco tutta la sua poetica abbastanza bene. Io nei versi di Wanda ci ho creduto sin dal primo momento ed i fatti, quello che sta raccogliendo con consensi e qualche vittoria significativa ne è la conferma... ASuguro a Wanda le migliori fortune come sempre poetessa leggiadra e spesso bucolica che ri riporta anche a Gennaio la primavera. Grazie Wanda

    RispondiElimina
  58. Wanda Allievi9 marzo 2010 06:29

    Volevo ringraziare anche per i commenti alla mia poesia "Un ramo di mimosa" postata ieri in occasione della Giornata della donna.
    Grazie Bruno per le tue parole di apprezzamento a me come amica ed alle mie poesie.

    RispondiElimina
  59. rosalba di vona9 marzo 2010 06:50

    Come è tuo stile, la lirica si riveste sempre di essenziale pacatezza e delicatezza. Hai fotografato un panorama ricco di verità, brava e delicata padrona delle parole, sequestri l’attenzione del lettore dedicandogli riflessioni profonde. Il tuo verbo è permeato di emozioni intense, essenze stesse della vita che colmano il vuoto del grigiore indossando un vestito caleidoscopico . Le emozioni gioiose o amare sono sempre congiunte alla natura, alla quale il poeta sovente si aggrappa come ancora di salvezza in quella solitudine che spesso lo pervade. Complimenti Wanda

    RispondiElimina
  60. Wanda Allievi9 marzo 2010 22:38

    "Le emozioni gioiose o amare sono sempre congiunte alla natura, alla quale il poeta sovente si aggrappa come ancora di salvezza in quella solitudine che spesso lo pervade." Grazie Rosalba, come sempre riesci ad entrare nel profondo di ciò che voglio esprimere, verissimo ciò che hai scritto ed ho riportato qui sopra.
    Grazie

    RispondiElimina
  61. Una data da non dimenticare, e una preghiera...Pensavo che certe sensazioni ed emozioni non avessero espressione.....perchè solo provandole sulla propria pelle se ne potesse avere "coscenza"e invece quando coinvolge la dolcezza di questo video,intrisi di malinconia,di passione,di sentimento che brucia dentro.. Uno bellissimo omaggio.grazie!!Carmela Ciccarelli..

    RispondiElimina
  62. ...ricordare per non dimenticare,dare un senso alla vita anche attraverso una lacrima dal sapore acre...non solo miele sulle labbra o arcobaleno nel cuore...tempeste a ciel sereno e vele che vengono squarciate da un'uragano,un uragano umano...la vita...anche questo è vita...
    Meravigliosa poesia,grazie.
    Barbara.

    RispondiElimina
  63. Emozionarsi e' una condizione di vita importante.

    Senza emozioni non c'e' vita.

    Complimenti !! e' un bel dono

    RispondiElimina
  64. Emozioni di te dell"immenso,dell"impalpabile
    universo che scorre ferito e assorto dentro tutte le tue vene,col sangue della speme s"immola e cerca l"ultimo amplesso con me universo!...(Alberto)
    (Complimenti cara Amica!)

    RispondiElimina
  65. Versi delicati,dettati da una fine sensibilità.
    L'EMOZIONE che nutre e alimenta il nostro Io..che inerisce con le nostre più nascoste profondità, per rivelarsi così, una reale e potente alternativa,in grado di colmare, "il vuoto materiale" che ci circonda,confermandossi,come una condizione necessaria e imprescindibile,per aver la compagnia fedele nella "vita che scorre e vola via"..i latini dicevano:Sine qua non.
    Complimenti Wanda
    e un forte abbraccio alla nostra meravigliosa Gloria
    Edda

    RispondiElimina
  66. bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa..

    RispondiElimina