mercoledì 14 aprile 2010

DANZA PER AMORE MIO di Mario Salis

(Henri Matisse, La dance)

Danza danza danza
spaccami il cuore con la tua eleganza

fammi morire che con te l'amore
è come quasi bruciare il sole

Danza danza danza
spellami gli occhi con la tua presenza

fammi vedere che io non ho mai visto
tanta bellezza in un solo gesto

Danza la tua danza
occhi belli a luce spenta
le tue mani che profumano grano
il tuo viso un bel campo di fieno

il tuo corpo che domanda risposte
il tuo sguardo sono mille carezze

la tua danza donami amore
amore fammi fammi morire


Danza che danza sia
offrimi amore la tua pazzia
scalda il mio cuore il mio cuore osceno
prendimi amore senza alcun freno

di sfuggita di struscio di lato
lasciami un segno anche senza fiato

basta che sia la tua danza amore
una sinfonia senza pudore


Danzami l'infinito
fammi toccare il tuo paradiso
danza alla luce la luce del fuoco
saliamo insieme a poco a poco

Incrociati come delfini del mare
vienimi adosso stella di sale

Danzami amore dentro la nebbia
danza mio sole sotto la pioggia





35 commenti:

  1. frenetica sensazione la mia mano..Accesa la voglia di immegermi nel suono impazzito,travolgente irresistibile,nell eleganza di corpo danzante spinge esausto nel sudore spasima.....stupenda grazie.......angela castello

    RispondiElimina
  2. Fernando Arrabal dice di Mario :

    “ Mario Salis, che vibra in tutto il suo esssere per la musica,
    non poteva evocare la passione et l’essenza stessa della poesia,
    talmente queste due arti sono legate insieme.

    Lo stesso Orfeo attirava a lui le bestie selvaggie grazie al suono della sua lira.

    Infine, bisogna sapersi abbandonare, lasciarsi andare
    per abbracciare le parole, per toccare per un momento quello che pochi uomini percepiscono ».

    La razza dei dominanti, dei vincitori, dei winners non capisce nulla.
    La quina essenza di questo mondo gli sfugge ( La differenza tra un poeta e un calciatore ).
    La poesia è un fulmine. Il poeta un ladro di fuoco.

    Mario Salis lo sa meglio di chiunque altro, che aspira ad essere questo Prometeo

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Mi sembra strano parlare della canzone di Mario Salis, tanto è entrata in me, a far parte del mio mondo poetico e delle corde più sensibili del mio io. Ho sentito di dover cantare con lui e ho scritto ,sentendo le sue mote e le sue parole, una poesia. A notte fonda è entrata a far parte dei miei sogni e del mio immaginario più profondo. Adesso la ascolterete voi. In una trasmissione di rai, notte dove hanno letto una mia poesia, Mario ha cantato e mi si è spalancato una parte del mio mondo interiore!
    succedono queste cose, è vero? allora ho deciso che dovevo farvi partecipi di questa mia intensa sensazione, e di condividerla con i miei amici

    RispondiElimina
  5. Paola Maria Leonardi17 aprile 2010 12:49

    Un inno alla vita, alla passione, al movimento corporeo nell'atto del ballo, attraverso la poesia.
    E' vitale la sua scrittura, riesce ad infondere l'ebrezza sacra della vita, anche solo leggendolo!
    La danza come veicolo dominante delle emozioni, che sopite riaffiorano con evidente prepotenza coinvolgendo tutto il nostro essere.
    E' bravissimo, e averlo scelto conferisce alla sua poesia una giusta gratificazione
    Grazie

    RispondiElimina
  6. La poesia è il luogo dove l'asprezza della passione si trasforma in un raffinato sentire, dove il tumulto si agguanta ad una trama d'armonia, per raccontarsi evolvendo in forme di carezze.....come in una danza.
    Leopoldo Costabile

    RispondiElimina
  7. Bianca Demonti17 aprile 2010 21:10

    Il rimo cadenzato ben si sposa col tema trattato... a tratti diventa quasi una filastrocca evocativa e il rimo sembra andare in un crescendo datto dall'infiammarsi della fassione ... Così la danza, dapprima lenta, diventa vortice furioso di sensi...

    RispondiElimina
  8. Bella, frenetica e coinvolgente, incanta i sensi.in fondo ognuono esprime ciò che sente dentro. Grazie
    Antonio Lanza

    RispondiElimina
  9. "Danza danza danza
    spaccami il cuore con la tua eleganza"

    Che bella questa poesia...

    "Danza la tua danza
    occhi belli a luce spenta
    le tue mani che profumano grano
    il tuo viso un bel campo di fieno"

    Versi stupendi, immagini meravigliose..."
    Ho richiamato solo questi versi...ma tutta la poesia è una musica sensuale e profonda...
    Complimenti sinceri...

    RispondiElimina
  10. Meravigliosi sia il testo che la musica che ci trascinano in un vortice di passione. Amore e danza vanno insieme, nella danza i corpi possono stringersi e toccarsi per lasciar fluire il sentimento dall'uno all'altra ed è magia... ma anche quando la donna danza sola per gli occhi del suo innamorato gli trasmette il fuoco del suo amore ed è anche lì magia...
    Grazie Gloria per aver condiviso con noi questa meraviglia!
    Salvina

    RispondiElimina
  11. Essere presentato in questo blog dalla poetessa Gloria Gaetano è come guardarsi alla specchio. Scopro nei vostri commenti una parte della mia anima e intravedo il vostro meraviglioso universo grazie alle vostre parole, astronavi che trasportano pensieri e aldilà del riconiscimento mi arricchiscono. spesso la poesia è considerata autonoma.ma la poesia è acqua, sorgente, luce, ombra, musica..la poesia è vita..ed in modo del tutto naturale...la mia poesia si vuole musica e la mia musica...poesia. Grazie d cuore e di gambe e di braccia e di pensiero a tutti voi !:) Grazie Gloria stella che brilli di luce propria !

    RispondiElimina
  12. E' un crescendo di emozioni e di passione irrefrenabile questa danza d'amore...coinvolge i sensi e li scopre mettendoli a nudo per come sono in realta'...si esalta l'istinto animale che c'è in tutti noi...coinvolgete...
    Grazie per l'emozione Mario
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  13. Si Antonio.Forse ho voluto proprio accetare e sublimare come dici tu l'istinto animale..renderlo palbabile,glorificarlo..poichè siamo carne sangue e poesia tutti :)

    RispondiElimina
  14. la danza, un movimento antico per richiamare l'attenzione sul corpo, fluente , sensuale, concupiscente,quando ad essa si uniscono parole di "fuoco", intense , appassionate, congiunte ad una musica ritmica, si raggiunge il massimo dell'estasi; in questa lirica il poeta-musicista , ci coinvolge e travolge in un ritmo senza sosta per portarci in un amore -morte ,che si sublima con movimenti di alta sinfonia.Grazie a Gloria per proporre simili "pregi" ,e al poeta per l'intensità del suo animo che ha condiviso con noi!

    RispondiElimina
  15. A me è parsa una ballata anche se forse non nella sua struttura classica, ma certamente una canzone a ballo, destinata al canto e alla danza.
    D’altra parte, nel jazz e nella musica pop la ballad identifica un brano musicale suonato con un tempo lento, in genere strumentale o con testo di argomento sentimentale. Nella musica folk tale forma musicale identifica anche canzoni dal tempo più sostenuto e dall'argomento non necessariamente sentimentale, ma con un deciso contenuto narrativo. E qui, oltre all’argomento sentimentale, c’è la narrazione in un tempo indefinito, che può essere l’istante del passo di danza, il tempo perché si compia l’intero ballo, il tempo senza confini di una storia immaginata, vissuta, desiderata.
    Come avviene normalmente in questo blog, la parola è preceduta da un dipinto (Matisse, la dance, appunto) e seguita da un video musicale, che qui è la stessa ballata cantata dal suo autore.
    Felice combinazione, felice incontro di sensazioni visive, uditive, e di quelle sensazioni che si provano leggendo a bassa voce, gustando le parole, rotolanti tra la lingua, i denti, il palato.
    Una voce, quella di Mario, un po’ roca, allusiva, sensuale, evocativa, seduttiva.
    Con figure, immagini, inviti, implorazioni, ossimori che danno tutto il senso profondo dell’amore fatto di attese e memorie, di realtà e fantasie, senza alcun timore, senza paura dell’insania, senza limiti al darsi e al chiedere. Pronti a morire per vivere l’unica vita che si vuol vissuta. L’amore qui è il tutto, in un’istanza di assimilazione assoluta, definitiva.
    Bella ballata pagana. In essa, l’arte del verso, della musica, della danza di Mario, assumono un importante valore di liberazione dall'oppressione della razionalità, nella libera espressione della creatività e quindi la sua irrazionalità, in un mondo che tende a distruggerla (forse Nietzsche?).

    RispondiElimina
  16. Parole,musica e danza, tre pilastri della cultura,che trovano ,insieme,ospitalità nel nostro angolo,sospinti dalle sapienti e sensibili mani della instancabile e inimitabile Gloria.Della sua poesia abbiamo già detto.Ci soffermeremo sulla musica e sulle parole di Mario Salis,che, nella loro essenza congiunta, ci chiamano e trascinano in un mondo in cui tutto acquista e trasmette cariche di sublime vitalità per trasformarsi in un universo di passioni e di ardente sensualità.Siamo grati agli autori di questa esaltante iniziativa che,ci auguriamo,possa essere la prima di altrettante future proposte. Ren

    RispondiElimina
  17. Davvero stupenda musica e poesia si mescolano come in una dolce danza, quando il corpo inizia a fremere al ritmo della musica ..le vene si caricano di un'energia fatale che ti solleva al di la' del mondo, al di la di ogni sofferenza, cullandosi fra le sue braccia guardando in faccia il mondo e le sue sfumature.. grazie Mario

    RispondiElimina
  18. un amore che irradia, che esplode e che vuole essere cantato. È un amore che ti trascina e a cui non vuoi metter freni. Un amore che fa luce nell'oscurità e che ti fa accarezzare il sapore della vita,scoppia nell'eleganza di un gesto e colpisce il corpo di fuoco. la corporeità delle sensazioni è tutto, introiettata e riespressa da una percezione d'infinito e di sogno stellare

    RispondiElimina
  19. La Bibbia il Corano i testi sacri dell'Oriente..sono pieni di erotismo...ma ha ragione lo splendido commento di Manlio che sprona una ballata pagana..libera da ogni condizionamento religioso..libera da tabù ipocriti...e accorgersi...che in cio' che facciamo esiste in ogni particella...l'amore...e ogni parola che fuoriesce dalla nostra bocca sprigiona farfalle sensuali..che disegnano in cielo..forme terrestri..sfiorando l'intimo divino...

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  21. La canzone di Mario Salis è più che interessante. E poi si cimenta con l'eros più diretto, che è operazione in cui non puoi usare l'ironia come via di fuga. Credo che abbia vinto la sfida.

    Salvatore Lo leggio

    RispondiElimina
  22. Belli e coinvolgenti questi versi che parlano di passione divorante, di infinito e di danza d'amore che diventa "sinfonia senza pudore" e che evoca immagini e profumi estivi di grano e di mare. Molto gradevole e orecchiabile anche la musica che accompagna questo testo.
    Mi chiedo se siano stati composti prima i versi o il motivo musicale. Complimenti all'artista completo!

    Deborah Mega

    RispondiElimina
  23. Questa per me è una canzone con vena altamente poetica, lo si nota dalla scanzione ed è evidente dal ritmo, dalla melodia e dall'afflato, nettamente differente dalla poesia. Pero' se il contenuto viene analizzato attentamente abbiamo dei passaggi che sono vere forme di poesia, diciamo come dovrebbero essere tutte le canzoni, con una chiara melodia su di un testo comprensibile e valido.Questi versi hanno tutte queste qualita e nel mio piccolo resto colpito ed affascitato dalla poesiaeroticamente sfiorata, senza mai ombra di volgarita' "Danzami l'infinito, fammi toccare il tuo paradiso,danza alla luce, la luce del fuoco, saliamo insieme a poco a poco..." oppure :di sfuggito ti striscio di laro...etc" Bellissima, sarei desideroso di sentirla cantata...Grazie Bruno Zapparrata

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  25. non si puo' dire se nasce prima la musica o il testo...quando nasce un frutto...appartengono al suo DNA elementi " concatenati" la parola nasce con l'involucro musicale..una specie di contrappunto ...la parola trattata come una linea melodica e la musica come una ritmica poetica...

    RispondiElimina
  26. Bella canzone. Una bella melodia.
    Una dimostrazione di come una buona voce e un'ispirazione sincera possano creare un momento di bellezza.
    Grazie.

    Francesco Palmieri

    RispondiElimina
  27. Il tuo gesto
    di onirici rimandi
    È la mia pena
    La mia gioia.
    Disegni traiettorie
    Imprevedibili
    E sempre fuggi dal mio faro.
    Eppure non voglio consegnarti
    alla mia delicata memoria.
    Vorrei l’ebbro danzare con te;
    fosse anche per tre giorni.

    Bene io ho vibrato con le intense parole di Mario, al suono della musica. E voi avete avvertito la vertigine? Allora sì, è incantesimo

    RispondiElimina
  28. Grazie, Francesco, amico mio, sempre vengo a cercare i tuoi versi...stupendi e quasi nascosti nel tuo animo...

    RispondiElimina
  29. Trovo molto bello quello che ha detto Mario del rapporto tra musica e poesia, veramente si intuice come emerge una canzone, proprio come un frutto dalla terra.Infatti Mario scrive:

    una specie di contrappunto ...la parola trattata come una linea melodica e la musica come una ritmica poetica...

    RispondiElimina
  30. Essere l'istigatore ..di altre creazione è la cosa più bella che puo' arrivare a una poesia.. il tuo testo splendidamente luminoso..abbraccia la danza evocata a mio modo..e tu hai aggiunto altri passi..altre cadenze e ne hai fatto un orizzonte ancor più profondo..grazie carissima Gloria :)

    RispondiElimina
  31. ..un inno alla passione... alla danza ..alla danza del corpo che suscita senzazioni straordinarie..emozioni forti...insieme ai tuoi magnifici versi Mario...grazie ..Carmen Pettinaro

    RispondiElimina
  32. Un abbraccio di mille kilometri a tutti coloro che hanno lasciato traccia della loro anima qui e grazie a Gloria per avermi dato la possibilità di esprimere del mio :)

    RispondiElimina
  33. Tatiana Andena ha scritto:

    è bellissima, impetuosa, colorata, profumata e sensuale questa canzone, questo canto all'amore cui richiedere tutto, persino la pazzia, il dolore di essere, di vivere e manifestarsi, è una preghiera che si unisce a un'ode al mare, al suo sale, alla sua meraviglia.
    grazie!

    RispondiElimina
  34. Alexis Rosa-Bianca Luce d'Aurora19 aprile 2010 06:08

    Ho rivisto...e sentito in questa poesia la potenza espressiva della danza, quella che io stessa avverto nel danzare. La danza permettere di esprimere, oltre i confini limitati del linguaggio verbale, un intreccio di sentimenti la cui intensità e verbalzzazione sarebbe impossibile da percepire, se non qttraverso l'armonia dei movimenti, la tensione alla forza dell'amore che prorompe e dilaga nell'anima, energia pura della vita, della passione. La danza è "sole sotto la pioggia" , "luce del fuoco"... perchè sfiora l'infinito, e lo accoglie nell'armonia dei movimenti.
    Davvero stupenda

    RispondiElimina
  35. una danza avvolgente e trascinante, un roteare dentro un vortice di passione, fino a congiungersi con la natura, campo di grano, delfino, stella marina, un congiungersi carnale che fa vibrare, amore che non può essere osceno perché l'amore è amore. Torna un tema già proposto da un'altra autrice in questo blog, pura sensualità.
    Francesca Varagona

    RispondiElimina