lunedì 6 settembre 2010

PETALI DI NUVOLE di Giorgio Filippini

(Le nuvole poetiche - René Magritte)



Ho strappato

petali ruvidi di seta

a nuvole avare

che mi volevano dare

solo nostalgia

Eppure

ti continuo a cercare

fra quelle stelle

che disegnano

nelle sere distratte

il ritratto

ancora invisibile di noi



Copyright©2010 Giorgio Filippini-inedita


39 commenti:

  1. Forma e parola si fanno tessuto, tessuto leggero, ricamo : le nuvole che cambiano, che si rincorrono dalla fonte alla loro stessa foce: inchiostro nero come il cielo che fa da sfondo all’umana aspirazione al bello d’una illusoria stella o, ancora,nostalgia di una forma ancora in divenire.
    Il ritratto è ancora assente, ma ci sarà, stagliato nell'azzurro, perchè è già dentro il poeta.

    RispondiElimina
  2. Quando c'è la giusta ispirazione bastano pochi versi per esprimere concetti poetici di grande respiro.E' il caso di questa piccola, ma elegante, poesia frutto di rara capacità per chiarezza e sintesi.Semplice e piana corre con un'armonica sequenza di frasi cui nulla si può aggiungere o commentare,tanto è leggera e piacevole.Giorgio Filippini ci rende il compito facile e noi gliene siamo grati. Ren

    RispondiElimina
  3. silvia calzolari22 settembre 2010 01:15

    Essenzialità in essenze pure di sguardo. Amore donato/strappato....sincero....aperto....pur a nuvole avare che non corrispondono gioia autentica ma solo nostalgia. La sensibilità e l'altruismo sanno "vedere" oltre....ampiezze. Rimane la ricerca...nel ricordo....osservando l'universo nel sè e fuori di sè. Tra le stelle rimane impresso "il ritratto ancora invisibile di noi" perchè i significati significanti non si disperdono mai. Il segno profondo di un'esperienza....indelebile...in sfumature poetiche perfette! Splendida poesia di emozionale impatto! Grazie Giorgio!

    RispondiElimina
  4. Leggera, impalpabile, quasi aerea questa poesia scritta con gli occhi al cielo per scansare le nuvole viste come ostacolo e privilegiare le stelle che potranno invece ancora raccontare una storia d'amore non del tutto finita...
    Salvina Alba

    RispondiElimina
  5. La ribellione del senso alla nostalgia di un amore finito.Breve coincisa ,ma intensa.Poesia costruita su immagini dell'immaginario comune,alla ricerca di qualcosa che renda eterno l'aver amato.Struggente...

    Daniela Bisin

    RispondiElimina
  6. E' una dele più lievi e delicate poesie di Giorgio,quasi aerea, come dice bene Salvina, venata di nostalgia, intessuta di ouri sguarsi, di essenze,,di sfumature, Silvia. Sì quando c'è la giusta ispirazione pochi versi ci danno un'immagine perfetta, ci fanno intuire un'atmosfera completa, Ren

    RispondiElimina
  7. Una tavolozza splendida con pennellate di parole che scorrono come un fiume lento e delicato

    RispondiElimina
  8. Il firmamento da sfondo ad un amore ormai reso invisibile da nubi che, non fanno intravvedere le stelle del tuo viso di "seta"...portandomi nostalgici ricordi, ma cerco ugualmente di tenere in vita il mio sogno...amoroso!
    Intensa, vissuta, soave come nubi leggere!

    RispondiElimina
  9. Poesia di una delicateza unica, versi che scorrono impalpabili, ma che toccano le sfere intime del nostro animo dove amore e nostalgia trovano asilo, capaci di suscitare immagini come queste: pezzi diseta, nuvole,visioni, ricerca, ma poi è tutto già dentro di noi.
    Lettura piacevole, che eleva con una musica scelta con grande competenza
    Antonio lanza

    RispondiElimina
  10. una musicalità davvero viva nel testo che richiama alla nostalgia di una magia ancora ben intarsiata nell'anima dell'autore..molto bella.

    Antonio Bux

    RispondiElimina
  11. Rilevo l'anelito alla ricerca di qualcosa di perduto,e per cui non ci si e' rassegnati.....
    Interrogare le nuvole e le stelle per farsi assistere e' un bel modo poetico di affrontare il problema......
    Buona "cerca",poeta!!!!
    Anonimo

    RispondiElimina
  12. Alfonso Severino
    Molto bella, questa riflessione sulla condizione del poeta che vuole libero il suo animo d'esprimersi diversamente da ogni forma di linguaggio..," l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco/ lo dichiari e risplenda come croco/.." Dona la sua fiamma ovunque, e comunque splendente.

    RispondiElimina
  13. ..il tuo è un ritratto delicato..elegante .struggente ...nostalgico ..ke nonostante tutto cerchi ancora tra le tue stelle...un abbraccio a te Giorgio e a Gloria..Carmen Pettinaro

    RispondiElimina
  14. Dal disfacimento "nostalgico" fino alla riedizione di una via. Evanescenze che si riavvolgono in un turbine fino a nuova forma dell'amore che si annuncia ancora fra le stelle. Vi vedo l'andamento di un ciclo fecondo che si affida all'inesausta volontà di mantenersi in una traccia, in quella impronta frammentata "in petali di seta ruvida".

    La leggerezza del verso e la semplicità delle immagini aggiunge maggior pregio al testo; perchè sicuro pregio è evitare che le complesse cose diventino complicazioni. E dote fondamentale del poeta è esprimersi in semplice maniera affinchè si raggiunga una piena e larga condivisione.
    Grazie.
    Leopoldo Costabile

    RispondiElimina
  15. Mi piace molto questa poesia, perchè mi arriva diretta al cuore senza doverla interpretare..mi trasmette un senso di pacata e lieve malinconia, di un'anima che non si arrende e continua a cercare l'altra parte di sè, quella primavera dentro che non muore mai.
    Grazie.
    Tatiana Andena

    RispondiElimina
  16. "Il ritratto ancora invisibile di noi" è quanto il poeta concede alla malinconia, nella sua ricerca tra le stelle dell'amata /perduta? i petali strappati alle nuvole avare, il grigiore che avvolge un tempo forse passato per sempre... ma anche se le sere sono distratte, il pensiero rimane ben fisso, a scrutare le stelle, tra cui brillerà presto/di nuovo? l'amata fuggita o un nuovo astro nascente... è il mio augurio, sincero, a chi con levità e maestria mescola tristezza e speranza ai colori del cielo
    Francesca Varagona

    RispondiElimina
  17. Filippini Giorgio...
    Cara Gloria grazie sempre, con tutto il mio cuore, per quest'altra possibilità che mi hai dato.E' per me un grande,immenso onore,essere quì sul tuo stupendo blog.Un affettuoso abbraccio...ciao*

    RispondiElimina
  18. @ Ren ...è vero ,a volte basta poco,parole semplici, per dire tutto ciò che ogni uno di noi sente dentro di sè,come dici tu,basta la giusta ispirazione...Grazie di cuore per la tua lettura.
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  19. @Silvia Calzolari...alcune esperienze lasciano un segno indelebile,una cicatrice,un tatuaggio,che nemmeno il tempo,che di solito dovrebbe cancellare,o far guarire ,rimangono lì,attaccate a noi,come una seconda pelle.Grazie per il tuo bellissimo commento...ciao*
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  20. @ Salvina Alba...hai detto bene,questa è stata scritta,proprio guardando e aspettando dalle stelle una risposta,che forse,non arriverà mai.
    Grazie per la tua lettura...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  21. @ Daniela Bisin...è vero ,ha volte da quasi fastidio questa nostalgia che sembra non ne voglia andare mai,è chissà se, mai se ne andrà ,se uscirà dalla nostra mente e dal nostro cuore...
    Grazie per il tuo bellissimo commento...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  22. @ Rocco Baccelliere...grazie per la bella immagine che hai saputo dare a questo mio...ciao...
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  23. @ Rosa ...molto bella ed elegante la tua interpretazione a questo mio scritto...grazie di cuore...ciao...
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  24. @ Antonio Lanza...grazie di cuore per il tuo apprezzamento,molto gentile da parte tua...ciao*

    RispondiElimina
  25. @ Antonio Bux...molto bella ed originale la chiave di lettura che hai usato per questo mio scritto...grazie...ciao...
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  26. @ Francesco...magari non sarà il "percorso" giusto per risolvere il problema,interrogare le nuvole o le stelle,ma in poesia tutto è concesso,non credi?
    Grazie per il bel commento e per il tuo augurio...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  27. @ Alfonso Severino...grazie per il tuo particolare commento,"colorito a fuoco"...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  28. @ Carmen Pettinaro...grazie di cuore per la tua lettura ...un abbraccio a te...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  29. @ Leopoldo Costabile...condivido in pieno il tuo pensiero,sapersi esprimere in maniera semplice,raggiungibile a tutti,sarebbe la vera poesia,almeno cosi io la penso,però non sempre ci è dato di poterlo fare.Grazie di cuore per il commento / apprezzamento...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  30. @ Tatiana Andena...molto veritiero il tuo commento,nel mio essere speranzoso,nonostante le delusioni,aspetto sempre che un nuovo amore ,porti i sui profumi i suoi colori per darmi quella primavera che porta la serenità nell'anima.Molto bello il tuo commento...
    Grazie di cuore...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  31. @ Francesca Varagona...grazie sempre per i tuoi bellissimi commenti cara amica,grazie anche per il tuo augurio ...un abbraccio...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  32. Il Poeta ci riesce,Giorgio. Egli conosce la parola evocativa e la fa danzare in rapidi accenni, fuori da ogni groviglio lessicale. La poesia non può essere un rebus.
    Ma ammetto che non tutti hanno questo dono.
    Un abbraccio..e ti ringrazio ancora

    RispondiElimina
  33. Manca la firma. Leopoldo Costabile

    RispondiElimina
  34. @ Gloria Gaetano...non potevo esimermi dal ringraziarti per la stupenda immagine e per la bella canzone che magistralmente hai affiancato a questo mio scritto....
    Grazie sempre con tutto il mio cuore per la tua raffinata eleganza e gentilezza...un affettuoso abbraccio...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  35. Lirica breve ma significativa, intensa, elegante com'è nel tuo stile.
    Il rimpianto per un amore finito ispira questo scritto.
    Per fortuna c'è il cielo con le nuvole avare e le stelle che con le loro scie luminose distrattamente disegnano il ritratto degli amanti, quasi a voler ricordare la storia d'amore, tra nostalgia e ostinazione...
    E tu, che dici "Eppure ti continuo a cercare..."

    RispondiElimina
  36. - sintetica e molto espressiva, mi piace molto il cercare nell'infinito quell'amore desiderato... grazie... Pino soprano

    RispondiElimina
  37. @ Leopoldo Costabile...molto gentile da parte tua dirmi questo,grazie di cuore...ciao
    F.Giorgio

    RispondiElimina
  38. @ Deborah Mega...molto "pittoresco" il tuo commento,sembra di vedere un quadro mentre lo si legge...
    Grazie di cuore per la tua lettura...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina
  39. @Pino Soprano...grazie di cuore a te per la tua lettura e il tuo commento...ciao
    F.Giorgio*

    RispondiElimina