venerdì 26 ottobre 2012

Maria Allo

2 commenti:

  1. Il poeta non ha bisogno di riappacificarsi col mondo nè con le parole. Se non fosse così, non sentirebbe neppure l'impulso di scrivere, la necessità di colmare una mancanza con il sogno delle parole. Baudelairianamente, mette il suo cuore a nudo, sta coi nervi scoperti, va alla ricerca di qualcosa che ancora non conosce, pervaso da una febbre che cerca il suo oggetto. Quando si alza la temperatura corporea, i confini diventano incerti, le percezioni mutano, diventano forti travolgenti.
    La poesia è sperimentare emozioni che ingolfano i nodi, soffocano il respiro, trascinano ad affrontare impulsi sconosciuti, inconsci per poi farli emergere nel testo. In quesTA POESIA DI Maria ALLO C'è PASSIONE , COLORE, TRASCINAMENTO INCONTROLLATO. E ritrovo una parte di me.

    RispondiElimina
  2. grazie Gloria, davvero.Non ho parole....

    RispondiElimina